Yeman Crippa: «Ora mi serve un obiettivo ravvicinato»

Aggiornato il: mag 5






Yeman Crippa, un nome una garanzia. Yemaneberhan (questo il suo nome completo) è ormai una certezza nel panorama dell’atletica leggera italiana e mondiale. Tanti i grandi risultati

ottenuti in carriera, basti pensare alla medaglia ottenuta ai campionati europei di Berlino 2018 nei 10 mila metri, il titolo europeo under 23 nei 5 mila metri, il titolo europeo juniores di corsa campestre nel 2014 bissato nel 2015, il fantastico record italiano sui 10 mila metri realizzato ai campionati del mondo di Doha nel 2019, record che apparteneva a Salvatore Antibo. Yeman, classe 1996, è di origine etiope e insieme ai suoi fratelli, è arrivato in Trentino quando aveva 5 anni. Dopo gli esordi agonistici con l’Atletica Valchiese allenato da Marco Borsari, è passato al Gs Valsugana Trentino e seguito da Massimo Pegoretti ha ottenuto titoli italiani tra gli allievi e gli juniores e prestigiosi risultati internazionali per poi essere tesserato con le Fiamme Oro. Il palmares è davvero importante, ma Yeman non si è montato la testa, lavora sodo e con impegno si stava preparando al grande appuntamento di Tokyo. Il Coronavirus ferma tutto e le Olimpiadi sono rinviate al 2021. Abbiamo sentito Yeman subito dopo l’annuncio.


LEGGI L'INTERVISTA INTEGRALE DI GIUSEPPE FACCHINI A YEMAN CRIPPA SU EXTRA

CLICCA SULLA COPERTINA




0 visualizzazioni

Metti "mi piace" per ricevere gli aggiornamenti

Iscriviti alla nostra Newsletter

  • White Facebook Icon