top of page

Pergine. Una grande festa in rosa per il Giro d'Italia








pubblicità

di GIUSEPPE FACCHINI

pubblicità

Vittoria italiana con una splendida volata al fotofinish nella tappa n. 17 del Giro d’Italia Pergine Valsugana-Caorle di 195 chilometri, grazie ad Alberto Dainese (Team DSM) che ha preceduto allo sprint Jonathan Milan (Team Bahrain Victorious).


La partenza in una Pergine Valsugana tutta in rosa e in un autentico bagno di folla è avvenuta alle 12.45 nella piazza della Pieve, per poi percorrere in una sorta di sfilata il centro cittadino di via Cesare Battisti, via 3 novembre, piazza Municipio, via Pennella per poi transitare in viale Venezia e salire verso Masetti e Assizzi fino a raggiungere Levico Terme e poi Borgo Valsugana e fino a Bassano per poi attraversare la pianura vicentina e trevigiana fino al Lido di Jesolo e infine l'arrivo a Caorle con il rettilineo finale di 600 metri. Alla partenza, tra gli altri, il sindaco di Pergine Roberto Oss Emer, il Presidente della Provincia Maurizio Fugatti, il Presidente del Consiglio provinciale Walter Kaswalder, il Presidente della Comunità di Valle Andrea Fontanari.

A Pergine ha funzionato ininterrottamente l’Area Food a cura del Comitato di tappa con punto di ristoro e pur con le difficoltà dovute al maltempo nel pomeriggio sono proseguite le iniziative collaterali come le prove di abilità con la bici svergolona, le originali biciclette di Lino Vicentini, la premiazione del concorso Visit Pergine nel progetto Rici-Bike, e l’intrattenimento musicale con Die Schweinhaxen.

Gli stand promozionali del giro hanno allegramente invaso tutte le aree e strade in prossimità della partenza libere dalle macchine. Il centro di Pergine si è riempito di cittadini di ogni età e di intere scolaresche che hanno potuto vivere direttamente una giornata che resterà indimenticabile.

Oggi il Giro riparte con la diciottesima tappa da Oderzo a Cal di Zoldo con salite impegnative. Maglia rosa l’inglese Thomas Geraint che precede il 18 secondi Joao Pedro Almeida e di 29 Primoz Roglic. Quarto Damiano Caruso a 2’50”.











178 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page