Pedrini sul podio allo Slalom 7 Tornanti, Grani nono al Rally del Friuli




Weekend di grandi risultati per la Scuderia Pintarally Motorsport, in casa e fuori. Lo Slalom 7 Tornanti ha infatti visto salire sul podio il trentino Thomas Pedrini (Radical Prosport), terzo assoluto...


Ma è ottimo anche il nono posto assoluto centrato da Lorenzo Grani (Skoda Fabia) alla 56esima edizione del Rally del Friuli.

Sul tratto birillato della salita che conduce dal capoluogo trentino a Vason, Enrico Zandonà (Wolf Thunder GB08) si è confermato ancora una volta imbattibile. Sul podio assieme a lui sono saliti Alessandro Zanoni (Gloria G8P) e appunto il “padrone di casa” Thomas Pedrini, protagonista di una gara scoppiettante: addirittura primo (ma sesto per avere toccato un birillo) in gara 1, quarto in gara 2 e terzo in gara 3, per il terzo posto assoluto (primo di Gruppo E2-SC e primo di Classe 1400). “Sono soddisfattissimo perché i primi due classificati sono specialisti dello slalom, peraltro al via con gomma nuova – dice Thomas - La mia vettura, invece, era quella del Nevegal, abbiamo solo cambiato i numeri. Per questo risultato ringrazio la Scuderia, il mio papà e gli amici che mi sostengono e ovviamente gli sponsor”.

Tutto sommato positivi anche il 25° posto assoluto – 1° di classe RS Plus - di Rino Lunelli (Mini Cooper S) e il 45° assoluto – 7° di classe – di Valentino Morelli (Peugeot 106 1.6 16V).

A Cividale del Friuli è andata in scena la quinta prova del Campionato Italiano Rally WRC, vinta da Crugnola-Zanni su Hyundai i20. Nono posto assoluto, di Gruppo R e di Classe R5 (>2000) per il pilota emiliano della Pintarally Motorsport Lorenzo Grani, al volante di una Skoda Fabia e navigato per l’occasione da Sara Montavoci. Il driver di Maranello ha staccato anche due sesti e un settimo posto, riscattando l’ultima sfortunata uscita. “Nel complesso è andata bene – spiega – in particolare sulla lunga PS Mersino. Purtroppo, siamo stati un po’ penalizzati da qualche sbavatura e dalla scelta degli pneumatici delle ultime due prove speciali. Buono invece il feeling con Sara: correvamo assieme per la prima volta, lei era all’esordio su questa vettura e in questo campionato e quindi è stata davvero brava”.






118 visualizzazioni0 commenti