La perginese Ottavia Angeli medaglia d'oro agli Special Winter Edition 2020 di ginnastica artistica



Grande risultato per Ottavia Angeli ai prestigiosi Special Winter Edition 2020, gara di eccellenza nazionale di ginnastica artistica in svolgimento a Rimini. Ottavia Angeli da sempre atleta della Cliogym di Pergine ha infatti conquistato la medaglia d’oro nella categoria Silver LE3 senior 2 individuale, primeggiando nei tre esercizi di corpo libero, trave e volteggio. Grande la soddisfazione per Ottavia e per la Cliogym, dal Presidente Enrico Tomasi alle allenatrici Samantha Tomasi, Melanie Cristofolini, Jennifer Tomasi.

di GIUSEPPE FACCHINI


Abbiamo sentito a caldo con la medaglia d’oro al collo Ottavia per commentare questa bellissima vittoria.


Ottavia, parlaci della gara.

«E’ una gara di livello nazionale molto importante. Il mio livello è Silver LE3 che era quello più alto, ho fatto la gara a corpo libero, trave e volteggio in gara con le migliori a livello nazionale.»


Come ti eri preparata?

«A causa di alcuni problemi tecnici non era sicura la mia partecipazione della quale ho avuto conferma pochi giorni prima, ho fatto le valigie e subito a Rimini al volo. Ma io mi sono sempre allenata e ero preparata. Forse il fatto che la conferma di partecipare è arrivata tardi, non mi sono preparata psicologicamente, ma forse è stato meglio così perché sono arrivata in gara un po’ più tranquilla, non avendo elaborato la cosa. Ho gareggiato con meno pensieri e preoccupazioni e allo stesso tempo ero molto carica e sono riuscita ad esprimere questa mia carica di adrenalina negli esercizi».

Su quale esercizio ti sei espressa meglio?

«Sono andata meglio nel corpo libero che io ritengo la mia specialità, dove mi sento più sicura e più a mio agio, bene anche sulla trave che è molto ostica e nel volteggio, sono soddisfatta».


Il tuo futuro da atleta?

«Ho iniziato l’università di economia e quindi devo dedicare molto tempo anche agli studi, ma voglio proseguire con la ginnastica e continuare ad allenarmi finché mi piace e mi piace ancora tanto andare in palestra. Negli anni scorsi in certe gare ho avuto un po’ di sfortuna e quindi sono felice per come è andata a Rimini ed è un gran bella soddisfazione».

Parlaci un po’ di te, che tipo di ragazza sei?

«Ho 19 anni (compleanno il 9 dicembre), vivo a Ischia di Pergine. Sono una ragazza solare, aperta ed estroversa. Tendo molto ad essere amichevole e quando si tratta di fare gruppo sono una persona che tende ad includere tutti e a fare amicizia con le altre persone. Anche quando ci sono delle new entry cerco di fare da collante nel gruppo anche perché sono la più grandina e mi dedico volentieri alle atlete più giovani».



Come ti sei avvicinata alla ginnastica?

«Ero molto piccola non è stata una mia scelta, avevo appena 3 anni e mia mamma ha deciso di iscrivermi a ginnastica sia perché le altre mie cugine la facevano e si trovavano bene come ambiente, sia perché non stavo mai ferma. Io da subito mi sono appassionata, le mie allenatrici hanno riconosciuto che potevo avere delle possibilità e ho scelto di entrare presto nella squadra dell’agonismo. E’ stata una mia decisione che ho voluto fare e alla fine sono stata ripagata dai risultati».


Cos’è per te la ginnastica?

«E’ veramente tante cose perchè se all’inizio era un gioco, un divertimento, crescendo ero molto più cosciente di quello che stavo facendo, è diventata una passione, uno sfogo, uno spazio anche solo per me in cui pensavo a me stessa e a questa disciplina. Un luogo in cui potevo esprimermi al meglio nel quale potevo abbandonare in un certo senso altri problemi. Si è creata una famiglia, con un bellissimo rapporto con le allenatrici che sono state fondamentali per il mio percorso di crescita e sia con le altre atlete. Mi hanno seguito fin da quando ero piccola, supportata e sopportata, e sono sempre al mio fianco acnora e lavorano con me e fanno di tutto per il mio bene, la mia felicità, la mia carriera.»


Cosa vuoi aggiungere?

«Vorrei dire che sono molto contenta di questo risultato perché lo vedo come un premio per l’impegno che ho messo in tutti questi anni con tanta passione e forza di volontà. E’ un segno di non mollare mai, è un bel traguardo arrivato a 19 anni, tante colgono dei risultati anche prima ma smettono. Io sono sempre stata felice dei miei risultati ma non mi sono mai accontentata. Il fatto di non mollare è stato ripagato e sono proprio contenta, voglio fare un invito anche a tutte le altre atlete a non mollare e continuare a perseverare i propri piccoli sogni».



818 visualizzazioni0 commenti