top of page

La carica dei 1.100 a «La 30 Trentina» n.12. Domani il via alle ore 10 da Levico Terme





La 12ª edizione de «La 30 trentina» è in rampa di lancio. Domani mattina i 1.100 concorrenti iscritti si sfideranno lungo il percorso che lambisce i laghi di Levico e Caldonazzo, i più agonisti con l’occhio fisso sul cronometro e sugli avversari, i più rilassati cercando di correre insieme agli amici, godendosi gli ambienti naturali attraverso i quali transiteranno. Lo start sarà dato alle ore 10 da Viale Vittorio Emanuele a Levico Terme, mentre un’ora prima alle 9, prenderà il via la Camminata per la Vita, una passeggiata intorno al Lago di Levico il cui fine è raccogliere fondi per la costruzione di una scuola elementare in Etiopia.

Scorrendo l’elenco dei partenti si scorge subito il nome del keniano Hosea Kisorio Kimeli, classe 1990, vincitore lo scorso anno, capace di correre la maratona in 2 ore e 17 e la mezza in 1 ora e 41, è lui il favorito d’obbligo, ma darà battaglia anche lo sloveno Rok Puhar, secondo un anno fa e campione sloveno sui 3.000 siepi nel 2018.

Dopo il ritiro della passata edizione vorrà dire la propria anche il gambiano - trentino Ousman Jaiteh, secondo nel 2019. Da tenere d’occhio anche Nicola Bonzi, secondo nella mezza maratona di Cremona nel 2022, Edgardo Confessa, terzo a «La 30 Trentina» di un anno fa, Massimo Leonardi, vincitore nel 2014 e nel 2015, il “senatore” Said Boudalia, Gianluca Ferrato, vincitore della Stracairo e secondo sui 10.000 ai campionati piemontesi. Fra le donne ci sarà la keniana Nancy Kerubo Kerage, seconda lo scorso anno a Levico e alla We Run Rome, Arianna Lutteri, vincitrice a Levico e campionessa italiana di maratona nel 2021, seconda alla recente Marcialonga Running, Marta Fabris, seconda nella “special edition” del 2020.

Chi non ha i 30 chilometri nelle gambe si potrà invece dividere le fatiche con un compagno o una compagna, iscrivendosi alla versione “half duo”, che prevede il passaggio del testimone a Valcanover, 16 chilometri pianeggianti seguiti da una seconda frazione più muscolare di 14,3 chilometri. A consegnare la medaglia ai finisher sarà nientemeno che Yeman Crippa poi, una volta terminata la competizione, scatterà la festa nel verde del parco affacciato sul lago, dove tutti si potranno rifocillare, ascoltando la musica degli Schweinaxen.

198 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page