Gaia Zuri: da Firenze alla Valsugana... per gli ostacoli