La Coppa d'Oro è sempre più internazionale

Aggiornato il: 17 nov 2019

L'inglese Max Poole ha conquistato la 52esima edizione al termine di una bella gara...


Il podio della Coppa d'Oro 2019

di Giuseppe Facchini


La Coppa d’Oro è sempre più internazionale. Dopo la vittoria dello scorso anno del tedesco Brenner, l’edizione numero 52 ha registrato come trionfatore l’inglese Max Poole della Bike Box Alan e insieme a lui il suo Direttore Sportivo. La gara, in ogni caso sempre molto bella, quest’anno è stata caratterizzata dal maltempo che l’ha condizionata con una pioggia insistente, vento e tanto freddo. Al chilometro 34 del percorso Max Poole, insieme al torinese Ivan Valinotto (Esperia Piasco) e al vicentino Eros Simonetto (Velo Junior Nove) hanno prodotto la fuga vincente che li hanno portati via via a incrementare il proprio vantaggio fino a circa 2 minuti sul gruppo nel primo passaggio cittadino.


Max Poole taglia il traguardo a Borgo

A seguire il distacco si è gradualmente ridotto, ma nell’ultima salita di Telve il britannico ha nuovamente imposto il proprio ritmo al quale ha resistito il solo Valinotto che però nulla ha potuto nello sprint imperioso di Poole. Al terzo posto Eros Simonetto a 12”, quarto Andrea Violato (Monselice) a 34” davanti al primo atleta regionale, il bravissimo Marco Andreaus del Veloce Club Borgo, a Lino Colosio (Vc Sarnico), Stefano Cavalli (Vs Bassano), Michael Moser (Ciclistica Dro), Luca Testi (Del Tongo) e Diego Ressi (Mincio Chiese). Ad Andreaus è stato consegnato il Trofeo Memorial Rosone. Due ore, sedici minuti e cinquanta secondi per percorrere gli 87 chilometri del percorso alla media di 38,149 km/h. Ottimi risultati per gli allievi del Veloce Club Borgo, dopo Andreaus il miglior classificato è stato Andrea Dalvai tredicesimo. Niccolò Casagranda è stato in fuga nella prima parte della gara.


STEFANO CASAGRANDA E UGO SEGNANA E IN CENTRO I VINCITORI

Il traguardo volante di Borgo, in ricordo del giovane ciclista scomparso prematuramente Anthony Orsato è stato vinto sempre da Max Poole. Alla premiazione presente tra gli altri il due volte campione del mondo Gianni Bugno, nonché vincitore della Coppa d’oro nel 1980.

In una giornata così difficile dal punto di vista atmosferico, da ricordare ancora di più la grande organizzazione guidata da Ugo Segnana e Stefano Casagranda, insieme ai tantissimi volontari. Sono stati ben 372 gli allievi che hanno partecipato alla gara.

La 20esima edizione della Coppa Rosa per allieve è stata vinta da Francesca Barale del Pedale Ossolano, lo scorso anno classificatasi al terzo posto, davanti ad Eleonora Ciabocco e Greta Bonazzoli del Team Pink.


Ottime e ben riuscite anche le gare della Coppa di sera e della Coppetta d’oro per giovanissimi.

12 visualizzazioni

Metti "mi piace" per ricevere gli aggiornamenti

Iscriviti alla nostra Newsletter

  • White Facebook Icon