top of page

Ronchi Valsugana. Oggi la seduta fuori porta della Giunta provinciale





Trentatré frazioni per 450 abitanti. Il Comune di Ronchi Valsugana ha ospitato oggi la tradizionale seduta fuori porta della Giunta provinciale, confermando la propria vitalità sono il profilo sociale e l’impegno nel garantire i servizi essenziali alla popolazione. “La conoscenza di una realtà unita e impegnata come la vostra, accresce la nostra consapevolezza rispetto ai bisogni e alla tenacia della comunità locale. Il confronto con l’Amministrazione comunale è per noi utile per approfondire le problematiche che vi toccano da vicino: i piccoli Comuni rappresentano un grande valore per l’Autonomia del Trentino e vanno dunque preservati e sostenuti garantendo i servizi di cui necessitano” ha osservato il presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti, incontrando il sindaco, Federico Ganarin e il suo esecutivo, oltre alle diverse componenti che formano Ronchi Valsugana e lo rendono attrattivo verso l’esterno per i suoi servizi, a partire dalla scuola elementare. Ad accogliere la Giunta provinciale sul sagrato della chiesa parrocchiale dedicata alla Beata Maria Vergine Addolorata - antistante il municipio - erano presenti i rappresentanti di: Corpo dei Vigili del fuoco volontari, Alpini, Circolo pensionati, Gruppo giovani, Associazione cacciatori, Parrocchia, Consorzio di miglioramento fondiario, Corpo forestale, Custodia forestale e Polizia locale. Sul posto sono intervenuti anche il vicepresidente del Consiglio regionale, Roberto Paccher e l’assessore regionale Lorenzo Ossanna


Nel corso dell’incontro tra le Giunte comunale e provinciale, il presidente Fugatti ha assicurato il finanziamento della nuova caserma dei Vigili del fuoco volontari di Ronchi Valsugana, anche alla luce delle priorità segnalate dall’Unità distrettuale della Bassa Valsugana e Tesino.

«La ricchezza di questo luogo, in cui il senso di comunità è percepito e incarnato dalle persone, deve essere motivo di orgoglio per la popolazione e per i rappresentanti comunali. Il nostro impegno è quello di dare risposta ai bisogni della cittadinanza per far sì che realtà lontane dai grandi centri continuino ad essere attrattive» sono state le parole dell’assessore alle politiche sociali, Stefania Segnana.

Ronchi Valsugana è una realtà certificata Family Trentino, grazie ad un ventaglio di iniziative che guardano alle necessità di genitori e bambini. Il sindaco Ganarin con la sua Giunta ha istituito – tra le altre cose – il contributo economico per i nuovi nati, agevolazioni sulla tariffa rifiuti per lo svuotamento dei bidoncioni, sostegni alle famiglie per l’acquisto della legna da ardere e per l’accesso all’asilo nido.

La scuola primaria “Cinque monete d’oro” rappresenta il fiore all’occhiello dei servizi garantiti, accanto a materna, negozio alimentari e sportello bancomat. Il motivo? La didattica innovativa attivata negli ultimi anni, ha rappresentato un punto di forza incredibile, consentendo di raggiungere i 42 iscritti (nel 2016 erano appena 15), provenienti anche dai territori limitrofi.

«Si tratta di un’esperienza innovativa, che consente ai bambini di vivere esperienze all’insegna della creatività e delle relazioni e, allo stesso tempo, uno strumento per far sì che gli alunni possano imparare lavorando in gruppo, anche attraverso la collaborazione tra ragazzi di età diverse» ha sottolineato l’assessore provinciale all’istruzione, Mirko Bisesti durante la visita alla struttura. Il sindaco di Ronchi, Federico Ganarin ha evidenziato come sia stato «preso il meglio delle diverse correnti di insegnamento che mettono il bambino al centro dell’attività, con laboratori all’aperto, un’aula nel bosco e iniziative di condivisione». Il primo cittadino ha dunque ringraziando la Giunta provinciale di aver accolto l’invito a svolgere la seduta settimanale in municipio: «Questa iniziativa ci dà modo di interloquire direttamente con l’esecutivo per presentare le problematiche che viviamo in prima persona e presentare le iniziative che ci consentono di frenare lo spopolamento».



265 visualizzazioni0 commenti
bottom of page