Kebab, una storia semplice e terribile insieme


PERGINE VALSUGANA – In occasione della Giornata Internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne, ariaTeatro porta in scena mercoledì 27 novembre 2019 Kebab, una propria produzione che circuita ormai da diversi anni coinvolgendo un pubblico sempre più ampio, compresi gli adolescenti nelle scuole.

La storia di Kebab è una storia semplice e terribile insieme. Tre giovani romeni decidono di

lasciare il loro paese per seguire i propri sogni in Irlanda: Madalina, diventare una pop-star, Voicu, guadagnare più soldi e Bogdan, lavorare nel campo delle arti visive.

Il Paese, inizialmente idealizzato, via via li metterà a contatto con l’emarginazione e le difficoltà economiche, fino al punto di costringere ognuno di loro ad appellarsi all’istinto di sopravvivenza. I giovani, che si presentano con l’entusiasmo e la freschezza che contraddistinguono tutti i grandi sognatori, lontani da casa cadono in una spirale crescente di violenza e degrado senza riuscire ad arrestarne le conseguenze. Concentrati come sono sulla volontà di auto-realizzazione, ogni mezzo che li avvicini alla meta diviene per loro lecito, persino quello più umiliante e rischioso.

Madalina, che sogna una carriera nel mondo dello spettacolo, viene costretta a prostituirsi per realizzare il proprio sogno. Voicu, il suo ragazzo, gestisce personalmente la carriera e la vita privata della sua compagna, detenendone i compensi per le prestazioni e i documenti che la identificano. Bogdan, aspirante regista e documentarista, si dedica alla produzione di filmati hard da mettere in rete. I tre, per un’emotiva e crudele vicinanza, vivono un gioco di dipendenza che li lega l’un l’altro come in una nuova, indissolubilmente famiglia. La meta designata è l’acquisizione della cittadinanza irlandese e la posta in gioco è così alta, che i protagonisti sono pronti a spogliarsi di qualsiasi inibizione fisica e morale.

Nulla è casuale o banale nella scrittura di Gianina Carbunariu: non è un caso che siano tre ragazzi giovani, non è un caso che tutti e tre abbiano un sogno da inseguire, non è un caso che scelgano di farlo in un paese “dove è meglio”, non è un caso che tutto finisca come andrà a finire.

Dopo essere stato rappresentato in moltissimi teatri europei come lo Shaubuhne di Berlino, il Kammerspiele di Monaco, il Théatre-Studio d'Alfroville di Parigi, il Royal Courth di Londra, il Teatro dell'Orologio di Roma, originariamente intitolato "Mady-baby.edu", tradotto come "Kebab" in sette lingue, il testo dell'autrice romena è arrivato a Trento ad opera di ariaTeatro per la regia di Riccardo Bellandi riscuotendo un grande successo di critica e di pubblico.


TEATRO DI PERGINE Mercoledì 27 novembre 2019 - ore 20.45

0 visualizzazioni

Metti "mi piace" per ricevere gli aggiornamenti

Iscriviti alla nostra Newsletter

  • White Facebook Icon