In Valsugana dal 20 al 26 settembre arriva il turismo responsabile



di GIANCARLO ORSINGHER

Premiato dall’Organizzazione mondiale del turismo dell’ONU per l'eccellenza e l'innovazione nel turismo, IT.A.CÀ - festival del turismo responsabile, invita a scoprire luoghi e culture in tutta Italia attraverso itinerari a piedi e a pedali, workshop, seminari, laboratori, mostre, concerti, documentari, libri e degustazioni per lanciare un’idea di turismo più etico e rispettoso dell’ambiente e di chi ci vive.


UN CAMMINO UNICO CHE che in questa sua 13ª edizione vede fino a novembre lo svolgimento di ben 25 tappe in 16 diverse regioni, coniugando la sostenibilità del turismo con il benessere dei cittadini.

Dopo che nel 2020 il filo conduttore di tutte le tappe del festival è stata la biodiversità, quest’anno gli appuntamenti ruotano attorno al diritto di respirare, inteso nel senso più ampio del termine.

Un tema che in quest’epoca di pandemia è sicuramente attuale e trasversale, che riguarda il respiro come diritto, oltre che come bisogno. Quel respiro che manca al corpo quando è malato, ma anche quando attraversa la città inquinata o quando rincorre ritmi frenetici.


LA TAPPA TRENTINA di IT.A.CÀ 2021 è in programma dal 20 al 26 settembre, con il coordinamento della Rete di Riserve del fiume Brenta e la collaborazione dell’associazione TassoBarbasso; prevede 17 appuntamenti in diverse località della provincia per far conoscere il territorio e farci ritornare a respirare.

Si spazia così dalle immersioni nella foresta a TreVille e a Folgaria per trarre vantaggio fisico e mentale dalle proprietà benefiche del bosco, con i suoi alberi e le sue piante, all’inaugurazione di un percorso educativo che porta a esplorare alcune aree dell’Alta Valsugana interessanti dal punto di vista ambientale utilizzando strumenti innovativi e modalità tecnologiche all’avanguardia e al tempo stesso ecocompatibili.

Nelle due stazioni di inanellamento provinciali (Bocca di Caset e Passo Brocon) sarà possibile conoscere da vicino i diversi passaggi dell’attività di inanellamento con cui i ricercatori studiano e monitorano il passaggio degli uccelli migratori attraverso i valichi alpini.


LA CICLABILE DELLA VALSUGANA sarà il palcoscenico per una dimostrazione di come tutti possano avere la possibilità di muoversi in sicurezza sulla strada, usufruendo di attrezzature appositamente realizzate per le persone con problemi di mobilità o di altro tipo.

Con il gioco didattico Indovina chi c’è nella Rete... i ragazzini dai 6 agli 11 anni potranno conoscere in maniera divertente gli ecosistemi acquatici e la biodiversità della Rete di riserve del Brenta partendo dalla riserva Paludi di Roncegno e sempre nel centro termale lo staff medico delle Terme di Roncegno-Casa Raphael illustrerà le caratteristiche delle acque termali e le loro proprietà terapeutiche.

Non li vediamo, o li vediamo con difficoltà, ma sono attorno a noi e respirano con noi. Sono i rapaci notturni, uccelli silenziosissimi e capaci di muoversi e di cacciare nel

buio più assoluto ai quali ci si potrà avvicinare nell’uscita in programma a Novaledo.


DUE GIORNI IN MOUNTAIN BIKE e E-bike attraverso boschi, sentieri e laghi assaporando la bellezza dell’ambiente, degustando prodotti tipici del territorio, ascoltando la natura, rallentando il ritmo del nostro vivere e ascoltando il nostro respiro attraverso tecniche particolari sono l’attività proposta nella zona dell’Alto Garda.

Il percorso che l’acqua compie prima di arrivare ai nostri rubinetti è misterioso, come spesso anche le attività necessarie per assicurare l’approvvigionamento idrico; i segreti dell’acquedotto di Folgaria, come pure l’esperienza tra i boschi e i campi di passo Coe alla ricerca di erbe spontanee commestibili sono due delle proposte sugli Altipiani cimbri.

E ANCORA ACQUA, in questo caso quella del corso del torrente Centa, è ciò che attende chi parteciperà al trekking fra antichi mulini e spumeggianti cascate.

Una camminata da Capriana agli antichi masi del torrente Avisio, testimoni di un’intensa vita contadina, con visite a un’azienda agricola impegnata nella tutela di antiche varietà di ortaggi e fagioli e al piccolo museo della Beata Meneghina è quello che con Masi comunicanti offre invece la Rete di Riserve della val di Cembra e ancora l’agricoltura con il grano saraceno e con i muretti a secco costruiti con maestria sono al centro della proposta nella valle di Terragnolo.

Per capire cos’è ITACA’, la filosofia che ne sta alla base e per conoscere i dettagli delle singole iniziative l’appuntamento è lunedì 20 settembre, alle ore 18.00, nel Parco centrale di Caldonazzo.


IL PROGRAMMA

LUNEDÌ 20 SETTEMBRE

IT.A.CÀ 21 IL DIRITTO DI RESPIRARE – Caldonazzo, Parco centr. ore 18.00

RESPIRARE LA FORESTA Passo Coe, Folgaria ore 15.00


MERCOLEDÌ 22 SETTEMBRE

I TESORI DEI LAGHI – Canneti di S. Cristoforo, Pergine Vals. 10.00-12.00

BATTITI D’ALA a cavallo delle Alpi – Bocca di Caset, Tremalzo 10.00-12.00


GIOVEDÌ 23 SETTEMBRE

PEDALATA inclusiva sulle rive del Brenta – Ciclabile della Valsugana da Pergine a Borgo Valsugana dalle 9.00 alle 17.00

INDOVINA CHI C’È ... NELLA RETE – Paludi di Roncegno ore 10.00 -12.00

DALL’ACQUA UN RESPIRO DI BENESSERE – Roncegno, Oratorio ore 20.30


VENERDÌ 24 SETTEMBRE 2021

IL RESPIRO DELLA NOTTE – Novaledo ore 20.30


SABATO 25 SETTEMBRE 2021

RESPIRARE IN BICI NELLA NATURA – Arco, ore 8.30 -18.00

L’ACQUA DI FOLGARIA – Folgaria 10.00 -12.00 e 15.00 -16.00

LE ERBE SPONTANEE COMMESTIBILI – Passo Coe 15.30 - 17.00



DOMENICA 26 SETTEMBRE 2021

RESPIRARE IN BICI NELLA NATURA – Arco, ore 8.15 -18.00

BATTITI D’ALA a cavallo delle Alpi – Valarica, passo Brocon 10.00 -12:00

MASI COMUNICANTI – Capriana 9.00-18.00

LA VALLE DEL GRANO SARACENO –Terragnolo 9.00 -15.00

RIVER TREKKING parco fluviale del Centa – Centa S. Nicolò 14.30 - 17.30

RESPIRARE e meditare nella foresta Fraz. Montagne, Treville 9.30 -16.00










215 visualizzazioni0 commenti