Dalla buccia a una nuova mela: grazie al progetto tutto trentino di "C2Land"