top of page

Christmas Dream. Il concerto di Natale della Cassa Rurale Alta Valsugana per il CIAD




Un concerto di Natale all’insegna della solidarietà quello promosso dalla Cassa Rurale Alta Valsugana giovedì 15 dicembre presso il Teatro Comunale di Pergine.


“Christmas Dream” è il titolo della serata dedicata a sostenere un progetto di aiuti a favore del martoriato Ciad, la repubblica centrafricana che conta una popolazione di circa 11 milioni e 400mila abitanti, un indice di sviluppo tra i più bassi al mondo e un’altissima mortalità infantile. Miseria e mortalità infantile. Due tristi binari su cui corre un treno di disperazione che sembra non volersi fermare mai. Per cercare di risollevare le sorti di questo Paese, don Guido Piva, un sacerdote originario di Santa Caterina che ha trascorso dieci anni da missionario proprio in Ciad, ha lanciato un progetto con azioni concrete mirato a portare sollievo e speranza in quelle aree devastate.

Don Piva ha bussato a tante porte, anche a quella della Cooperazione, decidendo di portare in Trentino il suo messaggio, affinché la comunità non rimanga sorda a chi soffre ed è dimenticato. La Cooperazione gli ha aperto le porte, quelle di una comunità generosa e coesa abituata a ragionare e decidere su basi solide e sostenibili. Ne è nato un progetto che si fonda su due capisaldi: sanitario e agricolo e di conseguenza alimentare.

Un progetto che vuole aiutare le persone a investire e credere nelle opportunità del loro territorio con una politica agricola sostenibile, accorta e mirata.

«Questo progetto – sottolinea il Presidente della Fondazione Cassa Rurale Alta Valsugana Giorgio Vergotpunta a fornire strumenti e competenze sanitarie per salvare le vite di giovani mamme e dei loro bambini. Ma soprattutto è basato su un programma serio di sviluppo orientato al raggiungimento della autosufficienza alimentare e concreta possibilità di far fronte agli importanti effetti dei cambiamenti climatici, verificabile nel tempo che sta già trasformando un sogno in realtà».

Il concerto, coordinato dal Maestro Andrea Fuoli, vedrà alternarsi sul palco momenti di musica e di riflessione. Numerosi gli artisti che si esibiranno: dal violino di Teofil Milenkovic al clarinetto di Rocco Debernadis, dal pianoforte di Mattia Rosati alle voci del soprano lirico Katarzyna Medlarska e della cantante Catia Borgogno al Coro della scuola primaria “Don Milani”, ai cori Abete Rosso di Bedollo, Highlight, La Tor e al sestetto di chitarre Sixforall della Scuola Musicale “Camillo Moser”, accompagnati dall’Orchestra Giovanile Trentina.

Un evento impreziosito dalla partecipazione straordinaria attraverso alcuni contributi video di personaggi dello spettacolo del calibro di Enzo Iacchetti, Sergio Muniz, Francesco Paolantoni, Cesare Bocci e Michele Mirabella impegnati ad interpretare poesie e pensieri di grandi autori del passato che hanno fatto del sogno e della speranza di un mondo migliore una ragione di vita.

Una preziosa occasione per ricordare a tutti il vero e profondo senso del Natale.




391 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page