top of page

Castello Tesino, finanziata la variante per il Brocon


Castello Tesino l’incontro con gli amministratori del territorio sulla variante per il Brocon (Foto Lorenzo Eccher)



La variante di Castello Tesino per l’accesso al passo Brocon è stata ammessa al “fondo ministeriale per lo Sviluppo e la coesione territoriale”. Lo ha annunciato il presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti che ha incontrato la popolazione negli spazi di Palazzo Gallo, affiancato dal dirigente generale dell’Agenzia provinciale per le opere pubbliche, Mario Monaco. Un appuntamento molto partecipato, al quale hanno preso parte la sindaca Graziella Menato con gli altri primi cittadini del Tesino e il presidente del Consiglio provinciale, Walter Kaswalder.


«Nel corso degli incontri preliminari con gli amministratori del territorio, abbiamo discusso anche della variante di Sottomolizza, constatando una grande unità di intenti, che non può che snellire i processi amministrativi» ha osservato il presidente Fugatti che – alla luce dei riscontri positivi avuti dalla cittadinanza – ha confermato la prosecuzione delle operazioni preliminari e alla stesura della convenzione con lo Stato per il finanziamento dell’opera, per la quale è prevista una spesa di 9 milioni di euro (di cui 5,9 milioni per lavori).


L’opera consentirà dunque il superamento delle criticità legate all’intenso traffico in centro storico. Qui ogni giorno transitano mezzi pesanti per il trasporto del legname, oltre a centinaia di veicoli di ospiti e residenti in direzione di Passo Brocon, come ha ricordato la sindaca.


Nel corso del 2022 è stato predisposto un progetto di fattibilità tecnico - economica. L’opera prevede la modifica del tracciato della strada provinciale 78 del Tesino e provinciale 79 del Brocon, creando un by-pass all’abitato di Castello Tesino. La strada collegherà dunque le località “Molizza” e “Sottomolizza”, con direzione da ovest verso est tra le località “Figliezzi” e “Arnazza”. Il tracciato principale sarà costituito da un tratto stradale che si svilupperà per una lunghezza di circa 1.450 metri e coprirà un dislivello di circa 80 metri.

Quattro i tratti previsti per la nuova viabilità. Il primo riguarda l’innesto della variante sulla Sp 78 attraverso una rotatoria; per il secondo tratto è previsto l’allargamento strada interpoderale esistente in prossimità della zona campeggio cui sarà garantita e migliorata l’accessibilità.

Il terzo tratto prevede il collegamento della zona pianeggiante con il versante dove scorre la provinciale 79. La nuova viabilità verrà realizzata sostanzialmente a mezza costa andando ad incidere il versante presente a destra, in maniera tale da recuperare progressivamente quota fino a raggiungere il sedime della Sp 79. Si tratta della parte più impegnativa dell’intera opera dal punto di vista esecutivo della nuova viabilità, secondo gli approfondimenti di natura tecnica e geologica che sono stati compiuti. Infine, il quarto tratto riguarda l’innesto della variante di progetto sulla Sp 79, con un’intersezione a rotatoria o canalizzata.




413 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page