Arte Sella. Valerio Magrelli: "I versi di vetro soffiato", il 24 luglio a Malga Costa

Aggiornamento: 25 lug





Stagione intensa e ricca di soddisfazioni per Sofia Dandrea, la nuotatrice di Borgo Valsugana, in forza alla SND Nuotatori Trentini.

Ai campionati italiani assoluti di Ostia ha gareggiato con le più forti atlete nazionali e nella gara dei 1500 metri vinta da Simona Quadarella è arrivata al quarto posto, risultato bellissimo per una ragazza quindicenne. E pochi giorni prima ottimi risultati nei campionati europei che si sono svolti in Romania a Otopeni. E prima ancora ai campionati europei di fondo nel mare in Portogallo, tra l’altro nel mare mosso e con il freddo.

Abbiamo sentito Sofia appena tornata a Borgo Valsugana.

Quarto posto assoluto nazionale. Come hai vissuto questi campionati?

Volevo fare una bella esperienza, divertirmi e stare in gara con atleti molto più grandi di me. Il quarto posto nei 1500 metri è venuto così, sinceramente non me l’aspettavo. Io quarta? davvero? E’ una bella medaglia di legno. Gareggiare a 15 anni vicino a Simona Quadarella olimpionica e campionessa del mondo, è stato emozionante. Ero l’unica del 2007. Ho fatto un buon tempo 16’49” considerando che l’acqua era molto calda. Ho vissuto i campionati in una atmosfera molto diversa, mi è proprio piaciuto.

I campionati europei invece?

E’ stato un ottimo risultato arrivare in finale europea, la più giovane del gruppo. Settimo posto con il record di 16’47”che mi ha permesso di partecipare poi agli italiani assoluti. E’ stato bello confrontarsi con le altre ragazze di tutta Europa.

Sei di nuovo in viaggio?

Si, perché questa settimana a Roma disputerò i campionati italiani di categoria juniores a Roma. Oltre ai 1500 metri farà anche gli 800 e i 400 stile libero.

Qualche ringraziamento?

Ringrazio il mio allenatore che mi sopporta, i miei genitori che mi portano avanti e indietro, i compagni di squadra che mi stanno sempre vicino, i miei amici. VALERIO MAGRELLI. I VERSI DI VETRO SOFFIATO Domenica 24 luglio 2022 | h 19 | Malga Costa | Arte Sella | Val di Sella Evento a cura di Susanna Tartaro


Arte Sella rappresenta un luogo dove, da più di trent’anni, arte, musica, danza e teatro si intrecciano, dando vita ad un dialogo profondo ed unico tra l’ingegno dell’uomo e il mondo naturale. Nell’ambito delle espressioni creative umane, la poesia ritorna ad abitare il parco, con un protagonista d’eccellenza: Valerio Magrelli. Accanto ai materiali che compongono le opere di Arte Sella, il poeta ne aggiunge uno nuovo: il linguaggio, attraverso il quale la poesia parla al cuore della nostra esperienza.

L’evento è ideato e sarà condotto da Susanna Tartaro, scrittrice, curatrice e conduttrice della trasmissione radiofonica Fahrenheit di Rai Radio 3, che presenta così l’incontro:

Cos’è la poesia? Che sia l’indicazione per non cadere nelle trappole della quotidianità, per riuscire a vedere meglio e magari capire qualcosa in più?

La forza della poesia di Valerio Magrelli risiede nel mantenere l’equilibrio guardando il precipizio che ci si spalanca davanti, focalizzando con precisione scientifica i luoghi del baratro. Come tenerci lontani dal pericolo? Come mantenersi vivi? E fin dove siamo arrivati? Restituendo una quotidianità individuale, che diventa collettiva, Valerio Magrelli usa la sua parola di vetro soffiato come lente per guardare sé stesso ed il mondo, l’avventura di un reading concepito in dialogo con le istallazioni di Arte Sella vuole rendere visibile, e forse anche tangibile, la forza dei suoi versi.

L’appuntamento si inserisce all’interno di un progetto, concepito da Susanna Tartaro insieme ad Arte Sella e alla Piccola Libreria di Levico, che verrà esteso anche alle prossime edizioni di Arte Sella e prevede un ciclo di incontri, dedicati alla poesia e ai poeti del panorama contemporaneo.

Valerio Magrelli, nato a Roma nel 1957, è laureato in Filosofia e insegna Lingua e Letteratura Francese all'Università di Pisa. È stato il direttore della collana di poesia di Guanda e della serie trilingue della collana Scrittori tradotti da scrittori di Einaudi. Nel 1984 ha curato, insieme a Gian Ruggero Manzoni, la Sezione poesia del XLI Biennale di Venezia. Ha pubblicato numerose raccolte di versi, fra cui segnaliamo l'esordio Ora serrata retinae (Feltrinelli, 1980); seguono Nature e Venature (Mondadori, 1987) ed Esercizi di tipologia (Mondadori, 1992), riunite nel 1996 in un unico volume da Einaudi, dal titolo Poesie e altre poesie, e Disturbi del sistema binario (Einaudi, 2006). Sue, inoltre, anche le opere in prosa poetica Nel condominio di carne (Einaudi, 2003), vincitrice del Premio Letterario Orient-Express, La vicevita. Treni e viaggi in treno (Laterza, 2009) e Addio al calcio. Novanta racconti da un minuto (Einaudi, 2010). Come critico è stato autore dello studio Profilo del Dada (Lucarini, 1990) e della monografia La casa del pensiero, Introduzione all'opera di Joseph Joubert (Pacini, 1995). È autore dell'antologia Poeti francesi del Novecento (Lucarini, 1991), oltre che di diverse traduzioni da Valéry, Mallarmé, Debussy e Verlaine. È tradotto e pubblicato in inglese, francese, spagnolo, serbo e croato


Susanna Tartaro è nata e vive a Roma. È la curatrice e conduttrice di Fahrenheit, la trasmissione radiofonica di riferimento per gli amanti di libri e cultura in onda su Rai Radio 3. Nel 2014 ha aperto il blog DailyHaiku, dove commenta ciò che succede nel mondo a partire da una foto e da una poesia. Scrittrice, ha pubblicato Haiku e Sakè. In viaggio con Santoka (Add 2016), Ascoltatori. Vite di chi ama la radio (Add 2019), La non mamma (Einaudi, 2021).


202 visualizzazioni0 commenti