Tre economisti dell'Università di Trento a servizio del Parlamento europeo



Incarico dalla Commissione affari economici e monetari dell’istituzione europea ai professori Roberto Tamborini, Luigi Bonatti e Andrea Fracasso del Dipartimento di Economia e Management. Lavoreranno per quattro anni alla stesura dei rapporti preparatori per i "Dialoghi monetari" periodici della Commissione. Occasione di visibilità per la ricerca UniTrento in ambito economico, per la prima volta dopo molti anni l’incarico va a docenti di un’istituzione italiana.

Il Parlamento europeo si affida anche agli economisti dell’Università di Trento per elaborare le strategie in materia di sviluppo economico e moneta: è di pochi giorni fa la notizia dell’incarico di consulenza ottenuto da alcuni docenti dell’Ateneo trentino per conto della Commissione permanente dedicata agli affari economici e monetari. Il contratto prevede la fornitura di rapporti preparatori per i "Dialoghi monetari" periodici della Commissione che si svolgono tre volte all’anno ed è stato assegnato ai professori Roberto Tamborini, Luigi Bonatti e Andrea Fracasso, tutti ordinari di Scienze economiche e statistiche del Dipartimento di Economia e Management e, nel caso di Bonatti e Fracasso anche afferenti alla Scuola di Studi internazionali dell’Università di Trento.

La commissione per i problemi economici e monetari (Committee on Economic and Monetary Affairs - ECON) è una commissione permanente del Parlamento europeo che si occupa delle politiche economiche e monetarie dell'Unione europea. È composta da 60 eurodeputati ed è attualmente presieduta dall'economista italiana Irene Tinagli. Raccoglie ed esamina il lavoro delle varie unità di esperti selezionate e lo sottopone ai parlamentari europei come documentazione istruttoria su temi di politica monetaria. 

I professori UniTrento hanno superato la selezione internazionale indetta dalla Commissione tramite un bando, volto a individuare unità di esperti in grado di istruire il dibattito parlamentare. L’incarico avrà durata quadriennale e inizierà indicativamente con il prossimo autunno. A fare notizia è anche il fatto che si tratta della prima volta dopo molti anni che un incarico tanto delicato viene conferito a docenti di istituzioni e università italiane. Insieme al gruppo degli economisti UniTrento è presente solo un’altra unità di ricerca dell’Università Luiss. Una grande occasione di visibilità e un riconoscimento per le attività di ricerca in campo economico dei professori e di conseguenza anche per l’Università di Trento




0 visualizzazioni

Metti "mi piace" per ricevere gli aggiornamenti

Iscriviti alla nostra Newsletter

  • White Facebook Icon