Riecco la primavera, con "Le rondini" cantate da Amedeo, il vigile buono scomparso il mese scorso


Amedeo Giordano ci ha lasciati prematuramente all’età di 64 anni. Per tutti era il vigile buono, un esempio di dedizione al proprio lavoro e alla propria famiglia, amato e stimato da tutti. Ed era anche un animo poetico. Lo ricordiamo con la sua poesia inno alla primavera, "Le Rondini"


di GIUSEPPE FACCHINI

Amedeo Giordano ci ha lasciati prematuramente all’età di 64 anni lo scorso 7 febbraio. Per tutti era il vigile buono del Corpo di polizia locale di Pergine oltrechè persona impegnata nel campo delle associazioni.

Ma la sua sensibilità si esprimeva anche come poeta in quanto da tanti anni scriveva poesie in dialetto trentino, cariche di sentimento, dedicate agli affetti più cari, agli amici, al territorio. Poesie che hanno la qualità di rimanere impresse nel cuore di chi legge.

Qualche settimana prima di morire, mi aveva regalato “Sensazioni” la sua raccolta di poesie con la dedica “Scritte con il cuore” con l’impegno che passato questo impegnativo periodo di salute di realizzare un articolo su “Il Cinque” dedicato proprio alle sue creazioni in versi. Lo vogliamo ricordare con alcune poesie che parlano “de quel che l’gaveva dentro e che nol diseva mai”.

Amava tanto Pergine e le persone di Pergine come scrive nella poesia “La zent del me paes”: “i te conosse miga per el grant o per el gross, perché te g’hai la barba o i baffi, ma i te conosse perché te g’hai dat l’brazz per vegnir zo dal marciapiè su en zima al marcadel, o saludadi davanti al zimiteri. Me trovo propri ben con la zent del me paes, e no vedo proprio l’ora, doman matina de tacarghe alla bonora”.

Nella poesia “E se fussa l’ora?” un piccolo bilancio “Na roba sol mi son sicur, no go rimpianti, no go paure, mi penso en tra de mì, e son sicur che qualcoss de bon sarà restà”. “El ragn” descrive il virus e dell’umanità del pensiero “Ve digo che la distanza per el virus la pòl enpedirne n’abbraccio, ma no la podrà mai empedirne el pensier”.

LE RONDOLE

Che bel veder le rondole che arriva a primavera sotto i querti delle case, e segue el destin de la so vita da quando che ghè mondo.

La roda della vita la seuta a rigirar e dopo pochi mesi se sente quel fragor de oseleti che speta la becada e dentro n’tra le nugole ‘na giostra desperada de chi che zerca de trovar qualcos de portar en del nif a soddisfar sta tribù famada.

E che bel veder sti oseleti che se strussia un su l’altro, i se ciama, i se beca, i se zerca, i se squerze un co l’altro, spetando che arriva el so turno de becada.

E pù che i vardo me par de veder i romndoloti dei me fioi, quando en mezz al lett i se strucava su per lori e i se tegniva con la manota en zerca de carezze.

Quante ociade, quante carezze, quanti pensieri si quelle testote endormenzade, quanti progetti spetando che vegnissa l’ora de sgolar, ma ecco tutt’de colp che ‘na sventada l’ha fatt passar en pressa la stagion, le rondole le se prepara a nar come le ha sempre fatt.

Ma mi ero sicur che en del niff de la me casa le me rondole le saria restade chi, ma enveze me sbagliavo, anca lore le se prepara a nar.



882 visualizzazioni0 commenti