top of page

Primiero. Inaugurato il nuovo nucleo dedicato alla demenza all'A.P.S.P. "San Giuseppe"





I territori di Primiero e Vanoi potranno contare su un nuovo spazio, un nucleo dedicato alla demenza. 


Realizzato al piano terra della casa della A.P.S.P. “San Giuseppe” di Primiero, in relazione diretta con il Giardino Alzheimer, andrà ad accogliere nei prossimi mesi, 10 residenti attualmente già presenti in struttura. Ieri mattina, 16 aprile, si è tenuto il taglio ufficiale del nastro, presenti l'assessore provinciale alla salute, la presidente di APSP San Giuseppe di Primiero e il consiglio d’amministrazione, i rappresentanti provinciali e i sindaci del territorio, don Giuseppe Da Pra, la presidente di Upipa, il personale della casa di riposo, i rappresentanti delle realtà del volontariato locale, alcuni residenti, il progettista Riccardo Nami e le imprese locali che hanno lavorato per la realizzazione dell'opera.


Nel suo intervento l'assessore provinciale ha sottolineato come la demenza sia una realtà complessa che richiede un approccio empatico e rispettoso. Stare accanto alle persone affette da questa patologia significa infatti offrire non solo assistenza pratica, ma anche una presenza amorevole, capace di comprendere e rispettare la loro dignità e individualità in ogni momento. 

Il nucleo inaugurato va proprio in questa direzione, ovvero creare un ambiente che promuova il benessere e la dignità delle persone colpite da demenza, così come dei loro familiari e di coloro che si dedicano alle attività quotidiane di cura. 

Nel suo intervento la presidente di APSP  “San Giuseppe” di Primiero ha sottolineato come la realizzazione di quest’opera sia stata voluta fortemente dal Consiglio d'amministrazione. Un ringraziamento è stato rivolto all’ingegnere Riccardo Nami d che ha saputo cogliere l’importanza e le caratteristiche tecniche di un nucleo demenze, l’impresa Jagher con i vari subappaltatori per averlo realizzato, nonostante le difficoltà nel lavorare all’interno di una struttura complessa e durante un periodo non facile, di pandemia. Tra le richieste poste alla Provincia autonoma di Trento il riconoscimento del maggior parametro di personale da assegnare al nucleo. 


La direttrice della struttura Federica Taufer ha rivolto un grazie al personale, ai residenti e ai loro familiari per aver pazientemente accettato le varie fasi delle lavorazioni, con trasferimenti provvisori per poter consentire alle ditte di lavorare senza dover rinunciare alla copertura dei posti letto. Ha ricordato inoltre che è stata avviata dai primi di febbraio 2024 la formazione del personale organizzata da Upipa grazie ad Avulss e ad un contributo di un fornitore locale che terminerà a fine aprile, per un costo complessivo di 13.300 euro, che vede coinvolti i dipendenti delle Apsp di Primiero e Valle del Vanoi e a cui hanno aderito anche i dipendenti della Comunità di Primiero.  

Il nuovo spazio fa parte di un progetto più ampio che ha visto la scorsa estate l’inaugurazione del Giardino Alzheimer realizzato dal Servizio provinciale per il sostegno occupazionale e la valorizzazione ambientale (SOVA). 


Il nucleo demenza è stato creato all'interno della struttura esistente a piano terra, più precisamente nell'ala posta a sud-est dell'edificio, ridefinendo gli spazi interni prima utilizzati in maniera ordinaria. Si sviluppa per una superficie lorda pari a circa 290 mq in diretto collegamento con l'esclusivo giardino Alzheimer con una superficie pari a circa 650 mq. Il nucleo Alzheimer avrà una capacità ricettiva destinata a 10 residenti, attualmente presenti in struttura e che saranno individuati nei prossimi mesi, per restituire loro una dimensione di domesticità e un'atmosfera rassicurante dei luoghi. Questo andrà ad assicurare ai pazienti un ambiente di tranquillità e riservatezza. Il nuovo spazio dimostra infatti come l'azione di cura e di tutela non dipenda solo dalle persone coinvolte, ma anche dall'ambiente circostante e dalla sua progettazione. Anche la scelta dei colori utilizzati è parte integrante di un approccio globale alla cura e all'assistenza delle persone affette da demenza


Il costo complessivo dell'opera ammonta a 469 mila euro. Il Servizio per il sostegno occupazionale e la valorizzazione ambientale della Provincia di Trento ha contribuito nella misura del 51 % della spesa con la realizzazione del giardino che è stato inaugurato lo scorso anno, il Servizio politiche sanitarie e per la non autosufficienza della Provincia di Trento ha contribuito nella misura del 22% e la restante parte (pari al 27%) destinata ai lavori, al sistema di sorveglianza e arredo è stata finanziata con fondi propri dell’Apsp.












178 visualizzazioni0 commenti

Comentarios


bottom of page