Per la CR Alta Valsugana c'è "Impatto Zero": presentato oggi il modo di fare green banking



In un mondo che si desidera sempre più “verde”, più rispettoso dell’ambiente, più sensibile ai temi ecologici ed attento a realizzare uno sviluppo sostenibile, è necessario individuare anche degli strumenti concreti per incentivare il miglioramento di quel complesso sistema conosciuto come “green economy”.

Sono molti i Paesi che hanno già fissato precisi obiettivi volti a tutelare l’impatto ambientale, a ridurre l’inquinamento e a mitigare gli effetti del riscaldamento globale, varando specifici provvedimenti a sostegno della generazione e dell’utilizzo di fonti energetiche rinnovabili.

Dall’inizio di giugno, anche la Cassa Rurale Alta Valsugana ha dato avvio ad un nuovo progetto finalizzato ad accompagnare Soci e Clienti nel percorso per uscire dall’emergenza Covid attraverso una serie di iniziative che hanno come filo conduttore proprio il rispetto per l’ambiente.

Per il Presidente della Cassa Rurale Alta Valsugana, Franco Senesi, si tratta di “un’idea sostenuta anche dal Gruppo Cassa Centrale Banca, che appartiene da sempre al mondo del credito cooperativo ma che ora si traduce in un modo nuovo di fare “green banking”: quello di essere cooperativi, sostenibili, responsabili”.

Lo dimostra l’impegno della Cassa che, da anni, produce energia pulita grazie agli impianti fotovoltaici e di microcogenerazione installati in molte filiali. Così come è già possibile ricaricare autoveicoli o e-bike utilizzando le stazioni di ricarica presenti in molte sedi dell’Alta Valsugana.

Il titolo che la Cassa Rurale ha dedicato al progetto è “Impatto Zero” che, già nel nome, richiama la filosofia di fondo sottesa a quest’idea. Quella di portare nel tempo all’offerta di prodotti e servizi “green”, incentivando contestualmente scelte e comportamenti responsabili da parte di tutti i soggetti con cui l’istituto entra in relazione.


Nel dettaglio, “Impatto Zero” si configura come una linea di finanziamenti a condizioni particolarmente agevolate per il miglioramento dell’efficienza energetica degli immobili come l’installazione di impianti fotovoltaici, di pannelli idraulici, celle a combustibile domestiche, serre bioclimatiche e muro di Trombe.

Ma “Impatto Zero” è anche destinato a sostenere la mobilità elettrica per e-Bike e scooter, nonché per tutte le automobili integralmente elettriche, facilmente ricaricabili presso le colonnine installate in tutta l’Alta Valsugana in prossimità delle filiali della Cassa Rurale.

A breve, il progetto “Impatto Zero” includerà anche finanziamenti per la realizzazione di tutte le opere che beneficeranno del credito d’imposta Ecobonus 110% e per l’acquisto o la costruzione di immobili con certificazione Arca e CasaClima.

Contemporaneamente, nel settore degli investimenti, si è ampliata ulteriormente l’offerta dei prodotti proposti alla clientela attraverso il collocamento di strumenti di finanza sostenibile, i cosiddetti fondi comuni ESG (Environmental, Social, Governance). Investimenti responsabili che perseguono per l’appunto gli obiettivi tipici della gestione finanziaria tenendo però in considerazione gli aspetti di natura ambientale, sociale e di governance.

0 visualizzazioni

Metti "mi piace" per ricevere gli aggiornamenti

Iscriviti alla nostra Newsletter

  • White Facebook Icon