Mario Cagol e la nostalgia del palcoscenico

Aggiornato il: 8 giu 2020



Mario Cagol e il coronavirus: «Sarebbe bello se potessimo trarre degli insegnamenti da questa emergenza ma quando sarà finita non ho grandi speranze su un’umanità più sensibile e altruista. Se non lo siamo stati in questi giorni con delle multe da 400 euro...



«Credo sia piuttosto semplice capire che per chi lavora soprattutto in luoghi pubblici ed affollati, questo periodo di emergenza possa essere un tantino controproducente – dice Mario – sicuramente però quando riapriranno i teatri e si potrà annusare di nuovo il magico legno di un palcoscenico, sarà una grande emozione sia per chi ci lavora, sia per chi potrà nuovamente godere di questa splendida arte». Per fortuna che...


LEGGI L'INTERVISTA INTEGRALE DI PAOLO CHIESA A MARIO CAGOL SU IL CINQUE EXTRA

CLICCA QUI PER SFOGLIARE IL GIORNALE





311 visualizzazioni0 commenti

Iscriviti alla nostra Newsletter

  • White Facebook Icon