Fernando Valcanover ci ha lasciati nel giorno di Ferragosto



Fernando, persona di grande sensibilità, ha scritto e raccontato la storia di Pergine attraverso le pagine del “Trentino”, con uno stile appassionato e di grande vicinanza alle persone, alle associazioni e ai fatti che raccontava. Una delle sue caratteristiche era proprio il rispetto: delle persone, delle associazioni, della verità. Uno stile davvero garbato e gentile che arrivava direttamente ai lettori senza interpretazioni forzose.


Fernando Valcanover era nato il 22 agosto 1941, la sua una famiglia molto operosa e sempre al servizio della comunità. Il papà Mario è stato l’ideatore dell’impianto idraulico della fontana davanti alla Chiesa dei Padri Francescani. Fernando è stato maestro elementare insegnando a Pergine, Zivignago, Levico e tutti ricordano il modo gentile, sobrio e allo stesso tempo concreto ed efficace di insegnare. E’ diventato anche coordinatore sportivo e referente per il CONI in coincidenza con l’avvio delle scuole don Milani, e si devono a lui i corsi di nuoto, i giochi della gioventù, le giornate sulla neve, tante attività nate grazie al suo grande impegno verso l’attività sportiva dei giovani. E’ stato Presidente del settore giovanile della Fersina calcio, all’epoca Euromix Perginese.

Ha iniziato a collaborare con il quotidiano “Alto Adige” all’inizio degli anni ’70 seguendo gli avvenimenti sportivi di Pergine e dell’Alta Valsugana, per poi nel 1980 occuparsi della cronaca del territorio, del Comprensorio C4 e anche dei comuni di Civezzano, Fornace, Tenna, Sant’Orsola senza mai tralasciare lo sport come il calcio, il ciclismo, il pattinaggio, l’hockey, l’atletica leggera. Ha poi proseguito l’attività con il “Trentino”, aggiungendo al già numeroso elenco anche i Comuni di Albiano e Lona Lases, impegni come scriveva lui stesso, che lo hanno fatto conoscere a tante persone, ricevendo anche tante soddisfazioni.

Fernando ha descritto in modo unico tutti gli avvenimenti perginesi, con passione e intelligenza, la storia delle persone e degli avvenimenti, senza mai prevaricare e con precisione, senza trascurare i più piccoli dettagli. Non si limitava a descrivere, ma era partecipe di ogni cosa anche con il cuore e il sentimento. E questo è stato il suo stile anche nella vita, perché la famiglia è stata il perno di tutta la sua vita. Con la moglie Rita ha festeggiato lo scorso anno i 50 anni di matrimonio uniti da un legame profondo e intenso fino all’ultimo giorno, la figlia Giovanna anche lei giornalista e suo marito Giorgio, i cari nipoti Veronica e Lorenzo.

Veronica è pallavolista dell’Alta Valsugana Volley e Fernando non perdeva mai l’occasione di essere presente ad ogni partita come primo tifoso.

I funerali si svolgeranno martedì 18 agosto alle 14.30 nella Chiesa parrocchiale di Pergine.

Sarà impossibile dimenticarti Fernando, ti siamo debitori e grati per aver raccontato la nostra vita, e quella della nostra comunità.


La redazione de "il Cinque"


469 visualizzazioni0 commenti