Covid: al Cibio di Mattarello tra un mese i test salivari che pongono il Trentino all'avanguardia



Nel centro di ricerca Cibio di Mattarello si sta lavorando senza sosta per attrezzare il laboratorio destinato a processare i test salivari. Oltre all’allestimento della struttura, sta per iniziare il reclutamento del personale...


L’avvio del nuovo sistema diagnostico è prospettato da Azienda provinciale per i servizi sanitari e Cibio in “poco più di un mese”. A regime si potrà arrivare ad analizzare fino a 3 mila test al giorno con lo stesso livello di affidabilità di quelli molecolari.

Il progetto dei test salivari ha come ulteriore obiettivo la prototipazione di un sistema di raccolta dei test che potranno essere eseguiti dalle stesse persone, senza l’ausilio di personale medico.

«Diverse aziende medicinali del Trentino – afferma Patrizio Caciagli, specialista di igiene e patologia clinica – si stanno dedicando anima e corpo per creare questo metodo di raccolta ed arrivare alla certificazione». La speranza è di poter portare al di fuori della nostra provincia il metodo trentino di gestione dei test salivari ed estenderlo ad altre regioni.

La Provincia Autonoma di Trento ha stanziato oltre un milione di euro per sostenere il progetto di ricerca che potrebbe portare a concrete ricadute soprattutto in tema di salute pubblica e, possibilmente, anche economiche per le aziende di casa.

«Crediamo tantissimo in questo progetto – ha ripetuto infatti più volte il presidente della Provincia Maurizio Fugattie siamo orgogliosi che nel piccolo Trentino operino studiosi e centri di ricerca in grado di sviluppare in tempi stretti e in una situazione difficile, dei progetti di ricerca cosi avanzati».

«Grazie a questo progetto – continua Fugattiil Trentino si pone all'avanguardia nel campo dei test covid effettuati in tempi rapidi per individuare e isolare le persone contagiose. A questa nostra sperimentazione stanno guardando con interesse anche l’Istituto superiore della sanità e la Protezione civile».

Il responsabile del laboratorio del Cibio di Mattarello per i test salivari, il virologo Massimo Pizzato, ha fornito dettagli sulla nuova tipologia di diagnosi. «Non si tratta – ha chiarito – di un test rapido bensì di una vera e propria analisi molecolare, con cui condivide la stessa metodologia. Cambia la sostanza organica analizzata alla ricerca dell'RNA virale. Nei molecolari preleviamo il materiale biologico rinofaringeo, tramite l'inserimento di un bastoncino nelle narici. Nei nuovi testi preleveremo la saliva dalla bocca». Quanto alla precisione nel rilevare la presenza del virus Covid, Il dottor Caciagli assicura: «Il livello di precisione e affidabilità dei test salivari è del tutto associabile a quello molecolare. In ogni caso i test salivari, benché siano più facili da gestire e garantiscano velocità alla diagnosi, non sostituiranno i tamponi veloci, ma contribuiranno all’analisi e al tracciamento degli individui sospetti». Il nuovo sistema diagnostico si abbinerà quindi ai test molecolari.


380 visualizzazioni0 commenti
© Copyright il Cinque/Media Press Team

Iscriviti alla nostra Newsletter

  • White Facebook Icon