Covid-19: oggi in Trentino 7 decessi e 45 nuovi contagi


TRENTO Sono complessivamente 4413 le persone che in Trentino hanno contratto il Coronavirus, di queste 1222 sono state contagiate nelle RSA e 1560 sono guarite. Oggi si registrano 7 decessi, di cui 3 avvenuti all'interno delle RSA. I nuovi contagi sono 45, tutti verificati con tampone, 18 presso le RSA, 1320 il totale dei tamponi effettuati. Fra i 45 nuovi contagiati vi sono anche due minorenni che si trovano alle cure domiciliari. Le persone decedute dall'inizio dell’emergenza salgono quindi a 389. Quelle ricoverate in terapia intensiva, in progressivo calo, sono 28, mentre 1465 sono in isolamento fiduciario a casa. Questo l’ultimo aggiornamento diffuso nel tardo pomeriggio dal presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti, insieme all'assessore alla salute, Stefania Segnana e alla task force impegnata a contrastare la diffusione del Coronavirus.



«La percentuale di persone positive rispetto ai tamponi effettuati – ha detto il presidente Fugatti – si attesta al 3,3% confermando, ulteriormente, il calo e la stabilizzazione delle ultime settimane, un dato positivo, unito a quello della costante diminuzione dei ricoveri in terapia intensiva». Il presidente ha poi annunciato che domani firmerà una nuova ordinanza, in vigore da lunedì. «Si tratta, in realtà, di alcuni piccoli accorgimenti su alcuni aspetti – ha spiegato – in attesa del 4 maggio quando, ormai appare chiaro anche a livello nazionale, vi sarà una netta diminuzione delle misure restrittive. Chiediamo ai trentini un ultimo sforzo – ha detto ancora Fugattiil cui comportamento, fino ad oggi, è stato encomiabile».


«Lunedì – ha annunciato il presidente – Calzedonia, impresa che ha una sede sul nostro territorio, fornirà all'Azienda sanitaria provinciale i primi 3000 camici made in Trentino. Una notizia che registriamo con soddisfazione».


Fugatti ha poi informato che Dolomiti Energia, accogliendo le sollecitazioni poste dalla Provincia, ha deciso di rinviare il pagamento delle bollette del servizio rifiuti già ricevute da famiglie e imprese, scadute, ma non ancora saldate a causa delle difficoltà economiche di queste settimane di emergenza. Il pagamento potrà essere effettuato fino alla data ultima del 30 settembre. Infine un appello ad usufruire delle strutture alberghiere a disposizione sul territorio per chi deve sottoporsi al periodo di quarantena, evitando di così restare a casa dove potrebbe contagiare i propri familiari. 


L’assessore Stefania Segnana ha annunciato che domani arriveranno in Trentino 11 infermieri della Protezione civile nazionale, che saranno impegnati, per lo più, nelle RSA che si aggiungono ai 19 già inviati nei giorni scorsi. Parlando poi del bonus alimentare, ha detto che, in seguito ad un accordo con il Consorzio delle autonomie, la Provincia ha deciso di integrare il finanziamento nazionale per sostenere nuovamente le domande già presentate e quelle che arriveranno, fino al 30 di aprile. Ad oggi nel sono state accolte 10849.


Infine il dottor Gianfranco Ruscitti, che rispondendo alle domande dei giornalisti ha spiegato come, effettivamente, i dati evidenzino che il virus sta perdendo forza. «Il contagio c’è ancora – ha detto – ma aumentano le persone guarite e sono diminuite quelle in terapia intensiva, tanto che la rete ospedaliera, compresi i punti nascita, sta progressivamente tornando alla normalità».

13 visualizzazioni

Metti "mi piace" per ricevere gli aggiornamenti

Iscriviti alla nostra Newsletter

  • White Facebook Icon