Covid-19, impennata dei casi positivi: mai così male da aprile, il Trentino segue il trend nazionale




In Italia continua a salire il numero dei positivi al Covid 19 in Italia. Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 2.844 nuovi casi, cifra che non si vedeva dal 4 aprile scorso quando i positivi erano stati 3.021. E l'impennata di contagi è forte anche in Trentino dove, secondo il rapporto quotidiano dell’azienda provinciale per i servizi sanitari, nello spazio fra la giornata di ieri e le prime ore di oggi sono stati registrati ben 62 casi positivi.

Circa un terzo (20 soggetti) presenta sintomi, mentre la maggior parte delle situazioni è emersa dal contact tracing e dall’attività di screening che ieri ha messo in campo 2.132 tamponi (1.305 APSS, 827 FEM).

Il rapporto evidenzia la presenza di 2 minorenni. Oggi non viene riportato alcun caso legato ai cluster della filiera alimentare. Sono state individuate invece due nuove situazioni su cui si stanno estendendo le indagini: si tratta di due focolai, il primo sviluppato all’interno di un istituto per religiose (16 contagi), il secondo invece riguarda diversi componenti di un coro parrocchiale (12 casi finora) che si presume si siano contagiati durante un ritrovo. Questa situazione, assieme alle feste di laurea e – in generale – alle iniziative che generano assembramento, inducono le autorità sanitarie ad alzare il livello di allarme raccomandando di evitare comportamenti a rischio e di rispettare rigorosamente le regole del distanziamento e dell’igiene, a partire dall’utilizzo delle mascherine e dal frequente lavaggio delle mani.

A preoccupare i sanitari anche il fatto che una decina fra i nuovi positivi ha un’età superiore ai 70 anni: per 2 di loro è stato necessario prevedere il ricovero ospedaliero, pertanto i pazienti Covid oggi risultano essere 16, nessuno in terapia intensiva.




62 visualizzazioni0 commenti

Iscriviti alla nostra Newsletter

  • White Facebook Icon