Coro Genzianella: il 3 dicembre la presentazione del documentario per i 60 anni di storia da sentire




di GIOVANNI FACCHINI

Il documentario sulla storia del Coro Genzianella, firmato dalla regista Katia Bernardi, verrà presentato ufficialmente il 3 dicembre a Pergine e conterrà parte dei numerosi video raccolti dagli anni ’70 in poi dal cantore Fabio Zeni, recentemente scomparso.


Sessant'anni fa, il 15 ottobre 1961, nasceva il Coro Genzianella di Roncogno di Pergine.

Attualmente conta 34 membri, presidente è Stefano Lazzeri Zanoni e, dal 2007, la direzione è affidata al maestro Andrea Fuoli, che ci racconta la storia del sodalizio canoro.

Primo direttore fu Renato Galvagni, cui seguì nel 1973 Paolo Zampedri, che mantenne il suo ruolo fino al 2004.

Fu subito un successo di riconoscimenti: dall’Italia all'estero, per questa interpretazione corale ricca di amicizie, ammirazione per il creato e per le tematiche religiose.

Nel 1965 la prima trasferta all’estero per il concerto a Lugano in Svizzera e negli anni '70 i primi riconoscimenti, grazie alla vittoria di due edizioni del concorso per voci maschili a Bolzano.

Tanti gli eventi da ricordare in sei decenni come la trasferta a Roma, il primo concerto oltre la Cortina di Ferro nel 1979 in Ungheria (a Budapest e al lago Balaton), nella Repubblica Ceca, in Svizzera e dal 1982 fino al 2015 ben 125 concerti in Germania.

Nel 1992 giunse la vittoria del prestigioso Grand Prix Internazionale a Roma, oltre al Trofeo Tim e la visita in Sala Nervi con l’esibizione corale per papa Giovanni Paolo II. Numerose anche le incisioni di brani, nonché la realizzazione di alcuni dischi e CD. A fine anni '90 si ricordano i concerti a Milano per il Club Ferrari, presentati da Mike Bongiorno e da Maria Teresa Ruta; nel 2003 la prima trasferta transoceanica in Argentina e Brasile.

Dal 2004 al 2006 la direzione venne affidata al corista Giuseppe Giovanetti e dal 2007 all’attuale maestro Fuoli.

Di recente vi sono i concerti in Russia e alla Camera dei Deputati (2008), in Brasile (2010), Argentina (2013), Polonia (2018), Ungheria, Francia, al Parlamento Europeo, e la vittoria del concorso per cori maschili a Biella nel 2010.

Come appendice del coro senior, nel 2010 è stato fondato il coro di Voci Bianche (5 -11 anni d'età) e nel 2021 il Coro giovanile, una sorta di “cantera” musicale, come nel calcio.

Durante il lockdown il Coro ha mantenuto la propria attività in versione virtuale, risultando il primo coro maschile in Italia a realizzare questa tipologia di performance.

«Per fortuna – commenta il maestro Fuoliora si può tornare ai concerti in presenza, ma almeno ci siamo mantenuti uniti e abbiamo registrato 17 canzoni, oltre ad aver realizzato un concerto virtuale con la partecipazione di Enzo Iacchetti, Sebastiano Somma e Francesco Paolantoni. Per il Covid non si è potuta svolgere l’Adunata Nazionale degli Alpini e abbiamo dunque realizzato un omaggio cantato, ricevendo il saluto online dal Presidente Nazionale ANA».






289 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti