Cinofilia. Prendere un cane da un allevamento: il posto più responsabile... che ha il suo prezzo






di ANDREA FALCONERI*

Un cane si può prendere, come abbiamo visto nel numero precedente, al canile, oppure dai proprietari che i cani li fanno nascere (causa principale del riempimento dei canili): adottare un cane in questo modo è spesso molto più semplice che dal canile, in quanto non sempre vengono posti questionari, ne controlli pre o post affido, né l’obbligo di sterilizzazione chirurgica.

“Tutto più facile, non per questo tutto più giusto”.

Oppure, terza ipotesi, un cane si può prendere in un allevamento, possibilità di cui ci vogliamo occupare questo mese.


Le obbiezioni più comuni all'idea di prendere un cane da un allevamento sono più o meno queste.

• Pagare un cane, perché mai? Con tutti i canili pieni.

• L’amore per un cane non ha prezzo, l’amore per un cane non si compra.

• Il pedigree non mi interessa, tanto non vado a fare le mostre.

• Chi compra un cane non ha cuore, ci sono così tanti cani in canile da salvare.

Ci sono due tipi di clienti che si rivolgono all’allevamento:

1. PERSONE O FAMIGLIE che hanno le idee chiare su quale razza scegliere, ne apprezzano i tratti morfologici e caratteriali, vogliono essere sicuri che il cane stia bene e non abbia patologie genetiche, infine, consapevoli del loro stile di vita, abitudini, necessità e ambiente famigliare, fanno una scelta responsabile, portandosi a casa una razza che conoscono, con delle garanzie morfologiche, caratteriali e soprattutto di salute.

2. VERI E PROPRI CINOFILI, appassionati della razza che hanno obbiettivi agonistici in ambito sportivo o espositivo, magari per la selezione e riproduzione.

Queste persone sono spesso dei veri professionisti, conoscono la razza in ogni sua caratteristica e investono molti soldi per comprare dei cani che successivamente ne metteranno al mondo altri altrettanto sani, belli e caratterialmente equilibrati.

Entrambi i casi, trovano risposta in un documento che è l’unico che attesta la veridicità di quanto richiesto: morfologia, carattere, salute: il Pedigree.

L'ENCI (Ente Nazionale Cinofilia Italiana) rilascia automaticamente i Pedigree ad ogni cucciolo, se la cucciolata viene denunciata dall’allevatore presentando i pedigree della fattrice (mamma) e dello stallone (padre) dei cuccioli. I genitori, infatti, se esenti dalle principali patologie di razza, vengono giudicati dall’ENCI adatti alla riproduzione.

IL COSTO DEL CANE viene giustamente calcolato in base alle fatiche economiche ED AL TEMPO DEDICATO da chi alleva.

I cani necessitano di attenzioni h24: se pensate che la cosa sia gratis avete un senso profondamente sbagliato del valore del lavoro DEGLI ALTRI. Quando anche voi non chiederete compensi per il vostro lavoro potrete criticare chi chiede un prezzo per i propri cuccioli.

LA GARANZIA DI SALUTE, bellezza e morfologia è il frutto di un lavoro per nulla semplice che, come tutti i lavori, ha un prezzo ed è giusto venga pagato. L’allevamento è sempre il posto più “responsabile” dove prendere un cane.

RIASSUMENDO:

• L’adozione da canile è un salto nel buio, un gesto coraggioso e degno di nota. I cani sono spesso iper problematici e iper timorosi.

• L’adozione da associazione è un gesto lodevole che richiede però un’attentissima analisi delle informazioni ricevute e troppo spesso si presta alle truffe degli annunci sul web.

• L’acquisto del cane in allevamento sarà forse un gesto emotivamente meno romantico e più costoso, ma certamente più responsabile.


*Andrea Falconeri è manager presso un'azienda milanese che si occupa di tutela del credito. Da 30 anni tiene corsi GRATUITI presso il suo centro addestramento cani di Levico Terme, nelle scuole e sui social.

Allevatore di golden retriever, maltesi e springer spaniel e proprietario della pensione per cani 5 stelle di Roncegno.

https://www.facebook.com/addestramentocanitrentino

https://www.facebook.com/pensionecanitrentino

558 visualizzazioni0 commenti