Azienda Agricola Sebben Daniela: filiera corta perfetta


Pubbliredazionale


Sempre più si parla di filiera corta, di beni e alimenti venduti direttamente dalle mani del produttore a quelle del consumatore, ma talvolta tutto ciò rimane soltanto una bella intenzione sulla carta o un’operazione di facciata...

Non è certo questo il caso dell’Azienda Agricola Sebben Daniela che nel proprio punto vendita “Come na’ volta” in piazza Martiri 7, a Borgo Valsugana, è l’ultimo anello di una filiera, piccola ma perfetta.

Infatti a monte – non solo come modo di dire, ma nel vero senso della parola – troviamo un agritur posto in una posizione incantevole – non per niente viene chiamato Agritur Paradiso – e una malga dove le mucche non solo pascolano libere, ma si possono pure adottare. Ma andiamo con ordine.

A 1706 metri, nel comune di Torcegno, si trova Malga Casapinello, gestita da Enrico Caumo e Daniela Sebben da 8 anni. Attorno alla malga pascolano libere 60-70 mucche in lattazione e 50-60 capre sempre in lattazione, le quali producono, rispettivamente, circa 10 quintali di latte di mucca e circa 1 quintale di latte di capra al giorno.

Con tutto questo “oro bianco” si realizzano, direttamente nel caseificio della malga, 5-6 tipi di formaggio con latte di mucca: dalla robiola, alla caciotta, da un tipo di brie muffettato bianco a un latteria, il taleggio che qui viene chiamato “Alpinello Paradiso” e il nostrano di malga, timbrato a 9 mesi dalla Camera di Commercio di Trento. Con il latte di capra, invece, si producono una caciotta morbida, una robiola, un formaggio morbido tipo latteria e l’erborinato di capra (aromatizzato alle erbe).

Da non dimenticare il saporito burro di malga e gli altrettanto gustosi yogurt, sia nella versione compatto normale sempre bianco, sia in quella compatto con frutti e marmellate della zona. Come se non bastasse qui si producono anche salumi (speck, salami, pancetta), benché in quantità limitata e quindi non destinati alla vendita, ma alla ristorazione in loco. Presso Malga Casapinello, infatti, ogni giorno si spargono nell’aria gli inconfondibili profumi della cucina tipica trentina, cui si associano – a meraviglia – i prodotti caseari e gli insaccati della malga.

A una produzione così certosina – quassù vengono a fare gli stage anche i ragazzi dell’Istituto Alberghiero di Levico Terme, nonché quelli dell’Istituto Agrario di San Michele all’Adige – corrisponde un contesto naturale e paesaggistico mozzafiato. Con una bella passeggiata si possono raggiungere infatti il Rifugio Sette Selle, il suggestivo Lago di Erdemolo, tutta la catena del Lagorai che si estende dalla Panarotta fino a Canal San Bovo.

Ma da Malga Casapinello, in poco tempo, si può raggiungere anche, in località Trenca di Roncegno, l’Agritur Paradiso gestito sempre dalla famiglia Caumo/Sebben.

E anche qui, oltre a rifarsi gli occhi con l’amenità del paesaggio, si può solleticare il palato con un festival di piatti della cucina trentina, carne e formaggi dell’azienda agricola e dolci casalinghi. La struttura presenta ampi spazi per cene, pranzi, comunioni, cresime, feste di compleanno e momenti speciali. Un’attenzione del tutto particolare, poi, è riservata ai piccoli ospiti, con menù dedicati e a prezzi ridotti.

Non per niente l’Agritur Paradiso ha conseguito il prestigioso marchio FAMILY per l’attenzione dedicata proprio alle famiglie.

Un’iniziativa particolarmente gradita dai più piccoli è senz’altro “Adotta una mucca”, progetto lanciato dall’APT e che i Camuo/Sebben hanno sposato subito a Malga Casapinello dove le mucche si possono adottare al prezzo di 65 euro.

Chi lo fa, non solo riceve la carta d’identità della “propria” mucca, ma compie anche un gesto generoso verso gli altri – una parte della quota viene infatti devoluta in beneficenza – e, cosa ancora più magica e spettacolare per un bambino (ma anche per un adulto), può presentarsi in Malga e ritirare formaggi e prodotti realizzati con il latte della mucca adottata per un valore di 50 euro.

Per il contesto e per le iniziative che offre – qui si organizza anche la “Giornata del Casaro” in cui i bambini imparano a fare il formaggio – a Malga Casapinello le adozioni delle mucche fioccano letteralmente. E non solo dal Trentino, ma anche da tutto il Nord Italia (Piemonte, Lombardia, Veneto, Friuli, Emilia Romagna) e addirittura dalla Sardegna, dalla Calabria e, in alcuni casi, dall’America.

Un movimento di turisti che presso Malga Casapinello possono anche alloggiare. La struttura, infatti, dispone di circa 15 posti letto, servizio ora sospeso per le restrizioni anti-Covid, ma è possibile appoggiarsi in convenzione al vicino Albergo Negritella.

Prima o poi, purtroppo, arriva però il momento di ridiscendere a valle e, per non dimenticarsi i profumi e i sapori del tempo trascorso in Malga, in piazza Martiri 7 a Borgo Valsugana si trova il punto vendita “Come na’ volta” dell’Azienda Agricola Sebben Daniela, dove la signora Cinzia – storica collaboratrice dell'azienda – accoglie i clienti con innata cortesia e grande passione.

Qui è possibile acquistare non solo tutti i formaggi di produzione propria provenienti dalla Malga, ma anche tanti prodotti tipici trentini di aziende situate sul territorio, nonché il pane fatto con il lievito madre e i dolci freschi come la treccia mochena e i krapfen.

Ecco quindi che quella filiera corta enunciata all’inizio, per l’Azienda Agricola Sebben Daniela, Agritur Paradiso e Malga Casapinello, appare una bella e concreta realtà da toccare con mano e da assaporare sulla nostra tavola di tutti i giorni. Proprio “Come na’ volta”. Anzi, persino meglio! Perché ora, con la filiera corta, se non è il consumatore a recarsi in malga, è la malga che, con i suoi prodotti, arriva direttamente fino a lui.

Assaggiare per credere!











243 visualizzazioni0 commenti