Pergine Valsugana. Presentato il Mountain University Village che sorgerà nell'area ex Cederna



Roberto Oss Emer, Maria Laura Frigotto, Flavio Deflorian, Mirko Bisesti, Franco Senesi, Giorgio Vergot




di GIUSEPPE FACCHINI


Si è svolta questa mattina presso la sede di palazzo Tomelin, a Pergine Valsugana, la presentazione del progetto della Cassa Rurale Alta Valsugana, MUV Lagorai, il Mountain University Village che sorgerà nell'area ex Cederna.


Un momento molto significativo per presentare la residenza universitaria ma che significa qualcosa di veramente importante e qualificante per tutta la comunità.

Il Presidente Franco Senesi ha lavorato con passione ed entusiasmo per il progetto che ha una valenza europea, con scadenza di realizzazione nel dicembre 2025, promosso e sostenuto dalla Cassa Rurale Alta Valsugana per il tramite della relativa Fondazione, con il supporto del Comune di Pergine e la condivisione dell’Università degli Studi di Trento.



Senesi ha ribadito che valorizzare la ricchezza di uno straordinario territorio, costituito anche da attività produttive e associative, è parte fondamentale del mondo legato al credito cooperativo che coniuga da sempre tradizione e modernità, memoria e innovazione, con il desiderio e la volontà di accompagnare le future generazioni verso un domani all’insegna della sostenibilità e della coesione sociale.

MUV Lagorai nasce da un’operazione di rigenerazione urbana di un’area dismessa, nella quale si prevede la realizzazione di un complesso residenzialo di residenza per gli studenti e che comprende, oltre agli edifici, un parco urbano, spazi comuni, percorsi pubblici, zona sportive e per fitness, una piazza. MUV Lagorari sarà dotato delle tecnologie più recenti, sia per la gestione dei fabbisogni energetici, sia per il controllo e la vigilanza attiva nell’arco di tutta la giornata, sia per le connessioni alle reti Wi-Fi in fibra.

L’importo di spesa preventivamente stimato è di 45 milioni di euro per il quale verrà chiesto il sostegno finanziario del PNRR, Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza.

L’area dell’ex Cederna è di 25.025 mq. totali, il numero di posti letto per studenti è di 405, il parco urbano di 6.650 mq, la piazza e gli spazi di ritrovo all’aperto di 3.360 mq, 8 gli edifici residenziali riservati agli studenti, 3 per servizi e funzioni della residenza universitaria.

Per Mirko Bisesti, Assessore provinciale all’istruzione, università e cultura della Provincia Autonoma di Trento, il MUV Lagorai si inserisce a pieno titolo nella direzione della compartecipazione fondamentale tra il privato sociale e le istituzioni pubbliche in grado di generare un circuito virtuoso per l’accrescimento delle conoscenze e delle competenze che rappresentano l’investimento doveroso e sicuro per lo sviluppo e il futuro.

Flavio Deflorian, Rettore dell’Università degli Studi di Trento ha dichiarato l’importanza di favorire la presenza di giovani sul territorio e ha accolto l’iniziativa della Cassa Rurale perché amplia l’offerta a disposizione dei ragazzi che sceglieranno il Trentino per studiare e fare ricerca arricchendo tutti di nuove relazioni, incontri idee.

Maria Laura Frigotto, Presidente Opera Universitaria, ha parlato di una sfida importante per il territorio e che lo stesso ha saputo cogliere, dove poter vivere bene. MUV Lagorai sorgerà nell’area dell’industria tessile Cederna e il Sindaco Roberto Oss Emer ha evidenziato come l’iniziativa contribuirà a cambiare volto alla città e a dare impulso e linfa vitale alla crescita del territorio.




1.455 visualizzazioni0 commenti