Palio dela Brenta: la Pro Loco di Borgo risponde all'ex direttore artistico Chincarini




La Pro Loco di Borgo Valsugana risponde all’articolo pubblicato sull'ultimo numero de “Il Cinque” in merito alla mancata condivisione del progetto del signor Matteo Chincarini riguardo al Palio dela Brenta 2021


BORGO VALSUGANA – In merito all'articolo pubblicato sull'ultimo numero de "il Cinque", in merito alla mancata condivisione del progetto del signor Matteo Chincarini riguardo al Palio dela Brenta 2021, la Pro Loco di Borgo Valsugana precisa quanto segue.

«Per meglio comprendere, nel corso del 2020 la Pro Loco ha provveduto ad incorporare la proprietà intellettuale del Palio, comprese attrezzature, materiali e guardaroba per garantire la continuità della manifestazione dopo che l’associazione Palio dela Brenta ha cessato la propria operatività. La stessa associazione si è vista costretta ad interrompere la sua attività, avendo accumulato nel corso degli ultimi anni un passivo di cassa importante per sostenere la manifestazione di cui il signor Chincarini era direttore artistico, appoggiandone iniziative e spettacolarizzazioni.

La Pro Loco per la gestione del Palio ha costituito un comitato tecnico/artistico con rappresentanti delle contrade e dell’ex direttivo che ha valutato all’unanimità inadeguata la proposta del sig. Chincarini per il Palio 2021. La proposta è stata ritenuta troppo onerosa, autocelebrativa e non in linea con la volontà di riportare la manifestazione alla tradizione, senza spettacolarizzazioni che possano snaturare l’essenza dell’evento.

Lo spirito della Pro Loco è di unire volontariato e sviluppo del nostro paese prestando particolare attenzione al bilancio per la rendicontazione finale ai soci.

In merito alla mostra presso la Cantina Scarpa a Nizza Monferrato si precisa che gli abiti presentati non appartengono al patrimonio del Palio dela Brenta e pertanto non sono collegabili in maniera diretta ad esso.

Si precisa ulteriormente che il sig. Chincarini alla fine dell’edizione del 2019 ha pubblicamente rassegnato le proprie dimissioni da direttore artistico del Palio e che da quella data non ha più ruolo ufficiale pertanto la Pro Loco lo diffida dall’utilizzo del logo, nome e immagine del Palio».

IL C.d.A. DELLA

PRO LOCO BORGO

VALSUGANA APS




668 visualizzazioni0 commenti