Le nostre scelte: non mettiamo il servitore al posto del re