Il regalo davvero poco gradito del lockdown