«Ci occorreva uno stop per invertire la marcia»