Sinergie: dalla versatilità di TrentinoRope® e dalla forza dell'unione, nasce la grande bellezza

pubbliredazionale

La struttura di Pinzolo dove TrentinoRope® ha messo in campo soluzioni originali in sinergia con altri partner

Una “casa-vacanze” in uno dei contesti più suggestivi e rinomati del nostro Trentino: Pinzolo, in Val Rendena, tra le splendide montagne delle Dolomiti, non a caso proclamate patrimonio dell’Umanità. Un luogo deputato al relax, alle sciate e alle passeggiate durante tutto l’arco dell’anno…


Ma cos’è a rendere questa struttura davvero speciale e unica, qual è la sua forza? La risposta al quesito appare piuttosto articolata e assai complessa da spiegare a parole.

Eppure, se fossimo nel Regno Unito, ne basterebbe una sola: “home”, che in inglese non è affatto sinonimo di “house”, anche se in italiano i due termini vengono spesso tradotti indistintamente come “casa”. Ma mentre “house” indica semplicemente un edificio con quattro mura e un tetto, un luogo in cui abitare, la “home” racchiude un universo di emozioni riassumibili nel concetto di “famiglia”; la “home” è un luogo dove si sta bene, in pace con gli altri e con se stessi, uno spazio, quindi, non solo da abitare, ma pure tutto da vivere, da fare e sentire proprio, anche quando non se ne possiede la proprietà materiale.

Se edificare una “casa-house” richiede solo determinate conoscenze tecniche, progettare e costruire una “casa-home” appare molto più difficile, perché oltre a mettere in campo le proprie competenze tecniche, occorre anche realizzare una sorta di alchimia, fondendo assieme vari elementi emozionali che scaturiscono – sempre in maniera non preordinata – dalle relazioni umane, dalla creatività, dall’intuizione, dal carattere, dal senso estetico… Insomma, da tutto ciò che comunemente chiamiamo “feeling”, che notoriamente non conosce mezze misure – o c’è, o non c’è! – né, al pari del coraggio di manzoniana memoria, "se uno non ce l'ha, mica se lo può dare".

La casa-vacanze di Pinzolo è un bell'esempio dell'alchimia venutasi a creare fra tutti i professionisti che hanno seguito ed eseguito le varie fasi dei lavori, a cominciare dal progettista Giovanni Modena.

Interpretare i pensieri e i desideri dei committenti, con una naturale tendenza all’innovazione, è da sempre il metodo di lavoro dell’architetto Modena, il cui studio di Trento si è specializzato, in Italia e all’estero, nella gestione di progetti globali: dalla progettazione, alla costruzione, alle finiture d’interni.


Così è stato anche nel caso di Pinzolo, dove per le finiture e i complementi d’arredo sono state interpellate la ditta Leveghi “El Ferar” di Baselga di Piné, specializzata nella lavorazione del ferro, e la TrentinoRope®, giovane azienda di Novaledo, specializzata nelle funi in acciaio e nei relativi componenti, che della poliedricità ne ha fatto una vera e propria mission, tanto da sapersi proporre in maniera innovativa, originale, pratica, efficiente, durevole e conveniente, in tutti i settori d’attività – dall’agricoltura all’industria, fino al variegato mondo del terziario – con soluzioni sempre di grande carattere, che uniscono l’utile al bello, trasformando una semplice “house” in una originale e intima “home”.

Un risultato che quasi sempre, come detto, scaturisce dall’incontro fra competenze tecniche e sinergie umane. Infatti, «che si tratti di lavorare direttamente con il cliente, oppure a stretto contatto con architetti, designer, progettisti, tecnici o artigiani, il nostro approccio al cantiere – affermano Sonia Miori e Alessio Zardini di TrentinoRope®rimane sempre lo stesso, improntato a cercare innanzi tutto un’intesa a livello umano, sviluppando l’empatia, le emozioni, la condivisione degli intenti e dei vari step per raggiungere l’obiettivo. Lavorare con persone che operano sulla tua stessa lunghezza d’onda non solo risulta molto piacevole, ma appare pure un forte stimolo per dare sempre qualcosa di più».

Filosofia riassumibile in un grande feeling, quello che poi traspare nell’opera finita, rendendola unica e originale, luogo ideale dove ognuno possa sentirsi di casa (nel senso di “home”), libero di vivere e interpretare quegli spazi, nonché di lasciarsi affascinare dalla bellezza che, come tutte le qualità, si percepisce per davvero soltanto attraverso i dettagli.





66 visualizzazioni0 commenti