Pio Laner: il perginese che illustrò la Divina Commedia di Dante a fumetti


Tavola 50 e 63 del fumetto: nella seconda tavola una spassosa interpretazione dei versi 22-24 del III canto dell’Inferno



Il 2021 è il settecentenario della morte di Dante Alighieri, avvenuta a Ravenna, suo luogo d’esilio, nella notte tra il 13 e il 14 settembre del 1321 a 56 anni.

di LINO BEBER


La sua “Commedia”, considerata la più grande opera scritta in lingua italiana e da Giovanni Boccaccio denominata “Divina Commedia”, è uno dei capolavori della letteratura mondiale e oggi d’attualità perché infonde la speranza di riuscire presto anche noi a “rivedere le stelle”.

Nel fumetto mensile “Tarzanetto” (febbraio 1960) l’illustratore Pio Laner, nato a Pergine Valsugana il 3 febbraio 1930, figlio unico di Carlo (1885-1978) e della maestra Angelina Ropele (1893-1971), nella XIV puntata di “Storia… e storielle di tutto il mondo” iniziate con il numero di gennaio 1959 da lui narrate e illustrate, si dedicò alla storia dei Guelfi e Ghibellini con la partecipazione straordinaria di Dante Alighieri.

Pio Laner collaborò al fumetto Tarzanetto, serie a fumetti ideata nel 1954 dall’illustratore fumettista Antonio Terenghi (1921-2014), dal gennaio 1959 fino a ottobre 1960 con 20 puntate di “Storia…e storielle di tutto il mondo” iniziando dalla creazione del mondo,

Pio Laner

l’età preistorica, l’antica civiltà egiziana, Romolo e Remo, i re di Roma, Cincinnato e i Galli, Pirro, Annibale e Publio Cornelio Scipione, Marco Catone e Giulio Cesare, Nerone, Robin Hood e Amleto, i Crociati, Marco Polo, le repubbliche marinare, compagnie di ventura, condottieri e Leonardo da Vinci, Cristoforo Colombo, i “Conquistadores” Hernàn Cortés e i fratelli Pizarro, i pirati, l’America e una puntata panoramica conclusiva. Sullo stesso fumetto pubblicò inoltre Galdino scoiattolino, Gedeone Volpone, Sbriciolino l’incontentabile, Pippo e le mele, Battista e il serpente, Bortolo Spingarda gran cacciatore, Bortolo Spingarda e l’anitra, Bortolo Spingarda e il cervo, Battista e la balena, Galdino Scoiattolino e l’elisir miracoloso, Galdino Scoiattolino e la carie gigante, Pippo e la calamita, I vagabondi delle stelle “Operazione cobalcromo” in otto episodi.

Pio Laner, assieme all’amico illustratore Luciano Garavaldi, illustrò numerosi libri per ragazzi per l’editore fiorentino Bulgarini e sempre con Garavaldi e con Walter Arena fu regista di Carosello nei 4 episodi Valentino e Valentina in Sogno d’amore: Venezia, Verona nel 1964 per Saiwa-Wafer e nel 1965 Parigi, Rio per Saiwa-Lady Saiwa.

Anche il fumetto, considerato un po’ la Cenerentola nel campo dell’arte, può essere una buona fonte e stimolo culturale.











160 visualizzazioni0 commenti