Lavoro nei boschi: con Dyneema® meno costi e fatica, più sicurezza...grazie a TrentinoRope®


Tiranti choker in acciaio prima dell'utilizzo

In questo numero affrontiamo il tema... polimeri. Lo sappiamo che già ti è venuta la tentazione di voltare pagina, temendo una lezione noiosa e soprattutto inutile per la tua vita quotidiana, ma non farlo! Sarebbe un errore, perché parleremo proprio della tua sicurezza sul lavoro, di un nuovo materiale leggero e prestante che ti farà risparmiare un sacco di fatica e che, a conti fatti, si rivelerà anche conveniente...

Partiamo da un dato di fatto: nel mondo, purtroppo, ogni anno oltre due milioni di persone muoiono a causa di un incidente sul lavoro o per malattia professionale. Un numero che appare il doppio delle vittime causate finora dal Coronavirus di cui, giustamente, tutti parlano; ma le cosiddette morti bianche, intanto, non fanno ormai più notizia.

Chi da sempre mette al primo posto della propria agenda la sicurezza sul lavoro è la TrentinoRope® di Novaledo, giovane e dinamica realtà imprenditoriale che continua a sfornare prodotti innovativi da destinarsi in ambiti lavorativi molto variegati: dall’agricoltura alla zootecnia, dal settore forestale a quello industriale, fino all’arredo urbano e ai componenti d’arredo per aziende e abitazioni private. Tutto secondo un comune denominatore: la sicurezza. Un impegno talmente presente nel DNA di TrentinoRope®, che l’azienda si è fatta promotrice di una campagna sulla sicurezza in uno degli ambiti più pericolosi: quello boschivo. La campagna – efficacemente intitolata “Se tiri troppo la corda a spezzarsi è la tua vita” – è stata realizzata in collaborazione con la Rivista di settore Sherwood, interamente dedicata al mondo delle foreste e degli alberi.

Ma, ti starai forse chiedendo, che c’entrano le foreste e gli alberi con i polimeri? Innanzi tutto diciamo che per polimero s'intende una molecola di grandi dimensioni che appare come una lunga catena, un po’ come se fosse una collana di perle, che spesso presenta diverse ramificazioni. La cellulosa, ad esempio, è un polimero naturale e compone il legno per il 45%. Tuttavia non è questo il polimero di cui vogliamo parlare. Il polimero che lega TrentinoRope® al mondo delle foreste è un altro; si chiama Dyneema®, una fibra sintetica che arriva addirittura dal settore nautico e della pesca.

In ambito forestale il materiale Dyneema® trova largo impiego come valido sostitutivo del cavo in acciaio perché più leggero e molto prestante. Tra i vantaggi dei cavi da trazione in Dyneema® figurano senz’altro il peso notevolmente ridotto, gli alti carichi di rottura, la flessibilità e la sicurezza. Finora, però, questo materiale applicato al settore boschivo presentava anche dei limiti non trascurabili, quali l’usura per abrasione e il costo.

Ora, invece, grazie alla continua ricerca di nuove soluzioni, TrentinoRope® è riuscita a trovare, in collaborazione con i produttori, il modo di ridurre l’usura per abrasione tramite una lavorazione superficiale con resine in grado di proteggere e limitare tale problema. E anche il costo è stato notevolmente ridotto, attraverso delle sagge politiche commerciali che hanno permesso alla giovane azienda di Novaledo di coprire un numero più vasto di clientela. Pertanto, tolte queste oggettive limitazioni, grazie a TrentinoRope® del Dyneema® adesso rimangono soltanto i vantaggi che non sono certo di poco conto e oggettivamente certificati dai dati messi a confronto (vedi tabelle a fianco).


Fune di montaggio in Dyneema®

Ma facciamo un esempio su tutti: nelle teleferiche la preparazione della linea di lavoro tramite la fune di montaggio – che viene tirata nel bosco creando un circuito ad anello tramite carrucole allo scopo poi di congiungere la fune di recupero (ritorno) ad essa – se è in acciaio richiede l’impiego di almeno tre o quattro persone, mentre se la fune è in Dyneema® per tale operazione è sufficiente un solo operatore.

Così si abbattono costi, tempi e fatica, aumentando in maniera inversamente proporzionale la sicurezza, poiché è risaputo che per una persona la fatica rappresenta una delle principali cause nell’abbassamento della soglia di attenzione, con conseguente aumento del rischio di infortuni.

Forte di queste importanti esperienze, TrentinoRope® sta sviluppando un sistema di tirante in Dyneema® per il trasporto del legname, ora fatto con tiranti in fune in acciaio, i quali sono molto pesanti e pericolosi in caso di rottura, ma anche per l’usura della fune che comporta la fuoriuscita di fili da cui gli operatori possono essere punti.

«I vantaggi che ci aspettiamo dal nuovo prodotto – spiegano Alessio Zardini e Sonia Miori, di TrentinoRope®sono sicuramente la notevole minor fatica dell’utilizzatore che non dovrà più portare in spalla, su e giù per i versanti spesso impervi del bosco, molti chilogrammi, riducendo così notevolmente la fatica, aumentando considerevolmente la produttività, garantendo sempre la massima sicurezza dell’operatore».

Insomma, un'altra grande scommessa targata TrentinoRope® che si appresta a rivoluzionare un mondo, quello dell'esbosco, che presenta solide radici nel passato, ma che ha imparato quanto sia bello, meno faticoso e più sicuro, svilupparsi nel futuro.


LEGGI L'ARTICOLO SU IL CINQUE EXTRA

OPPURE SCARICA L'ARTICOLO IN PDF CLICCANDO SUL LINK SOTTOSTANTE

Lavoro_nei_boschi_con_Dyneema®
.pdf
Download PDF • 302KB



50 visualizzazioni0 commenti