La CR Valsugana e Tesino è il punto di riferimento del territorio anche per l’Ente pubblico




42 Comuni ed Enti hanno affidato la gestione della propria tesoreria alla Cassa Rurale Valsugana e Tesino. Una attività svolta spesso senza alcun ritorno economico significativo, ma fatta a favore delle diverse comunità dove siamo il punto di riferimento.

È passato parecchio tempo da quando la gestione delle tesorerie era un servizio conteso principalmente tra banche anche di grandi dimensioni.

Con il passare degli anni, quello che era per tanti istituti un fiore all’occhiello da esibire, è ora diventato poco attrattivo in quanto poco remunerativo e molto impegnativo in termini di risorse, anche per via dei grandi volumi di traffico, dell’elevato numero di operazioni e per la necessità di una gestione attenta e puntuale.

La Cassa Rurale Valsugana e Tesino ha consolidato il proprio ruolo di tesoriere sul territorio (gestore/depositario della liquidità) per un numero crescente di Enti pubblici. Ormai sono ben 42 i Comuni, le Case di Riposo, i Consorzi e altri Enti che si appoggiano a noi per la gestione della propria tesoreria, generando una movimentazione annua superiore alle 56.000 operazioni.

L’adesione al Gruppo Bancario di Cassa Centrale Banca ha fornito un supporto considerevole a questa attività che negli ultimi anni si configura veramente a carattere sociale.

L’ultimo studio Euricse sulle Casse Rurali dopo la riforma del credito cooperativo, per quanto riguarda i servizi per gli enti pubblici mostra che le Casse Rurali continuano ad essere il punto di riferimento principale del territorio: negli ultimi 5 anni nel 71,5% dei casi di bandi per la gestione di un servizio tesoreria, l’unico soggetto partecipante era una cassa rurale.

Paolo Gonzo, direttore generale CR Valsugana e Tesino

«Questo esser banche del territorio – afferma il Direttore gen. Paolo Gonzosi declina in diversi aspetti: la predominanza di famiglie tra la propria clientela, l’aver tra i propri clienti la quasi totalità di Associazioni ed enti del terzo settore, un bilancio sociale che costantemente anno dopo anno mette a disposizione della comunità importanti risorse, e naturalmente anche le tante tesorerie che gestiamo per conto di Comuni e altri enti».




237 visualizzazioni0 commenti