La Cassa Rurale Valsugana e Tesino per la crescita della comunità


Mirella Perina, Responsabile Area organizzazione e pianificazione CRVT

Un bilancio sociale dalle risorse consistenti che va incontro alle esigenze del territorio e delle persone. La Responsabile dell’Area organizzazione e pianificazione della Cassa Rurale, Mirella Perina, chiude un 2020 impegnativo e positivo.


BORGO VALSUGANA – Oltre 1 milione di euro a Soci, Associazioni e al territorio in generale. Se nel corso del 2020 le richieste di sostegno economico da parte del mondo del terzo settore sono state minori rispetto all’anno precedente a causa della pandemia, forte è stato l’impegno della Cassa Rurale Valsugana e Tesino a sostegno delle strutture sanitarie territoriali.

«Abbiamo agito su tre livelli – racconta la Responsabile dell’Area Organizzazione e pianificazione della Cassa Rurale, Mirella Perinaper poter offrire un sostegno economico rilevante ai tre ospedali del nostro territorio di competenza, Borgo Valsugana, Feltre e Bassano del Grappa. Promuovendo raccolte fondi, cercando e ottenendo compartecipazioni da altri enti, e naturalmente mettendo in campo il nostro impegno diretto».

Questo il punto forse più qualificante dell’attività sociale svolta nel 2020: oltre 207 mila euro di fondi che sono stati utilizzati per acquistare respiratori meccanici, pompe ad infusione, apparecchi per l’analisi dei tamponi e così via.

La Cassa Rurale è stata in questa occasione soggetto attivo ed aggregante, rispondendo a una situazione di oggettiva difficoltà sociale: ha saputo coinvolgere e portare al miglior risultato possibile la voglia di partecipazione non solo dei propri soci e clienti, ma del tessuto sociale nel suo complesso.

Nel complesso è proseguita l’azione di sostegno alle Associazioni (oltre 430 mila euro ), ai Soci ( quasi 600 mila euro ) e ad altri progetti di interesse collettivo.

Per individuare le 295 iniziative finanziate e come sostenere tutti gli altri progetti in corso, la Cassa Rurale da qualche anno dispone sul territorio di una rete articolata di referenti, che le consente di avere sempre presente il polso della situazione.

Continua Mirella Perina: «Tutto questo si può fare solo se hai accanto l’impegno e vorrei dire la dedizione dei Soci impegnati nei nostri Comitati Locali, dei dipendenti e voglio ricordare anche la partecipazione costante dei membri del Consiglio di amministrazione a tutte queste attività. Raccolta e gestione delle informazioni fanno parte integrante della nostra attività quotidiana».

Nel corso del 2020 sono proseguite le tradizionali iniziative proposte dalla Cassa Rurale Valsugana e Tesino ai propri Soci e clienti. Sono state erogati 138 Premi allo Studio, conferiti durante una serata in streaming lo scorso dicembre.

Quasi 3.000 soci hanno aderito al servizio di Consulenza Fiscale che permette l’elaborazione della propria dichiarazione dei redditi a tariffe scontate, e altri 52 al servizio di Consulenza Legale che mette a disposizione quattro professionisti in campo legale per una consulenza gratuita.

Non possono mancare le agevolazioni sui servizi bancari offerti ai Soci, quantificabili in oltre 400 mila euro: conti correnti, finanziamenti, servizi vari, inbank per la gestione quotidiana dei propri impegni.

Ma vi sono molti altri tasselli che aiutano a comporre un mosaico completo dell’azione della Cassa Rurale a favore della comunità. Come quello rappresentato dalla convenzione per aiutare gli anziani che hanno bisogno di cure e assistenze mediche. È stata firmata pochi giorni fa presso la sede della Cassa Rurale Valsugana e Tesino di Borgo, dal Presidente dell’istituto Arnaldo Dandrea e dal Presidente della Fondazione Romani Sette Schmid Carlo Paternolli.

Risorse, gestite direttamente dalla Fondazione, che serviranno per dare una mano agli ospiti della Fondazione per affrontare spese mediche e altre necessità urgenti.

Particolarmente interessante anche il nutrito programma di eventi on line che dai canali social della Cassa Rurale sono offerti a tutti, e variano dall’intrattenimento, alla offerta culturale e formativa per concludersi il 21 maggio prossimo con l’incontro con tutte le Associazioni del territorio.

«Abbiamo voluto offrire un programma variegato che offre contenuti adatti ad ogni età – conclude la Responsabile dell’Area organizzazione e pianificazione – e dobbiamo dire che i primi riscontri sono molto positivi. È certo che torneremo alla normalità, ma di sicuro dobbiamo fare i conti con un mutamento nei paradigmi della comunicazione che continueremo a seguire e soddisfare».


1,355 visualizzazioni0 commenti
© Copyright il Cinque/Media Press Team

Iscriviti alla nostra Newsletter

  • White Facebook Icon