Hub tivì val di Cembra. Verso il 2030. Il futuro è oggi


Foto Antonio Benedetti

Esiste un’imprenditoria giovanile in val di Cembra? Verso quali obiettivi tende e con quali presupposti? Che relazione ha instaurato con la cultura della sostenibilità?


A queste domande ha cercato di rispondere il progetto “Hub tivì val di Cembra” realizzato nell’ambito del Piano Giovani di zona Valle di Cembra nel corso di gran parte del 2020. L’indagine, promossa dall’associazione Puntodoc e realizzata dall’esperto di processi partecipativi Tommaso Pasquini, dalla regista Cecilia Bozza Wolf e da Alex Zancanella entrambi di Vergotfilms, ha preso avvio con la raccolta e la trasposizione video di dieci storie imprenditoriali in val di Cembra.

«Il progetto ha lanciato una call di ricerca dedicata ai giovani grazie alla quale abbiamo raccolto queste prime storie – racconta la Presidente dell’associazione Puntodoc, Paola Pedergnanae realizzato i primi dieci video. Ascoltando i racconti di Consuelo, Dario, Martina, Giulia, Moreno, Luca, Federico, Ilaria, Mattia, Maurizio, Stefano, Giulia, Valeria e Giovanni scopriamo timori, speranze e progetti di chi oggi, con il proprio lavoro, contribuisce a costruire il nuovo volto della valle: perché restare? perché innovare? perché continuare a crederci? perché sognare?».