Domenica 26 settembre in Trentino si vota per il Referendum propositivo per il Distretto biologico

Aggiornamento: set 24





I seggi sono aperti in tutti i comuni della provincia dalle 6 alle 22. Possono votare tutti i cittadini maggiorenni residenti in Provincia da almeno un anno, recandosi con la tessera elettorale e un documento di identità. Gli uffici comunali sono aperti per il rilascio dei duplicati della tessera elettorale in caso di smarrimento.

Il quesito che si trova sulla scheda è il seguente: “Volete che, al fine di tutelare la salute, l’ambiente e la biodiversità, la Provincia autonoma di Trento disciplini l’istituzione su tutto il territorio agricolo provinciale di un distretto biologico, adottando iniziative legislative e provvedimenti amministrativi – nel rispetto delle competenze nazionali ed europee – finalizzati a promuovere la coltivazione, l’allevamento, la trasformazione, la preparazione alimentare e agroindustriale dei prodotti agricoli prevalentemente con i metodi biologici, ai sensi dell’articolo 13 del decreto legislativo 228/2001, e compatibilmente con i distretti biologici esistenti?”

Il referendum era stato chiesto con la propria firma da 13.983 persone.

Il referendum sarà ritenuto valido se parteciperà al voto il 40% più uno degli elettori.







327 visualizzazioni0 commenti