Domani al via la prova d'esame di maturità mai vista prima



TRENTO - Sarà un esame del tutto straordinario, come straordinario è stato l’anno scolastico che si è appena concluso, caratterizzato da un’emergenza sanitaria che per la prima volta ha costretto persino la scuola a sospendere le lezioni in presenza.

Quest’anno infatti l’esame consisterà esclusivamente in un colloquio orale approfondito, che avrà la finalità di accertare il conseguimento del profilo educativo, culturale e professionale (PECUP) dello studente. Nel corso del colloquio lo studente dovrà dimostrare di aver acquisito contenuti e metodi propri delle singole discipline, di essere capace di utilizzare le conoscenze acquisite e di metterle in relazione fra loro per argomentare in maniera critica e personale anche utilizzando la lingua straniera. Il colloquio della durata di 60 minuti sarà dunque pluridisciplinare.

Nello specifico l’esame sarà articolato in 5 parti:  • Discussione di un elaborato concernente le discipline di indirizzo individuate come oggetto della prova scritta. (Argomento assegnato entro il 1 giugno dalla Commissione  ed elaborato trasmesso dallo studente entro il 13 giugno per posta elettronica ) • Discussione di un breve testo di lingua e letteratura italiana oggetto di studio ( tratto dall’elenco dettagliato riportato nel documento del consiglio di classe) • Analisi del materiale scelto dalla commissione • Esposizione da parte del candidato dell’esperienza di Alternanza scuola lavoro svolta nel percorso di studi • Accertamento conoscenze e competenze maturate dal candidato nell’ambito delle attività relative a “Cittadinanza e Costituzione”.