CRAV: Coworking vicino casa, un’opportunità di sviluppo per il territorio, oltre la crisi


Da sinistra Giorgio Vergot, Daniele Lazzeri resp. Relazioni esterne CRAV e Paolo Campagnano (Foto G. Facchini)

Presentato questa mattina presso la sede di Pergine della Cassa Rurale Alta Valsugana, il progetto “Alta Valsugana Smart Valley”.


PERGINE VALSUGANA – Il progetto è promosso dalla Cassa Rurale Alta Valsugana in collaborazione con Impact Hub Trentino e si pone l’obiettivo di creare uno o più spazi di coworking sul territorio, cogliendo così un’opportunità di sviluppo locale, all’interno e oltre la crisi pandemica.

Il Vicepresidente della Cassa Rurale Giorgio Vergot ha rimarcato che «il difficile periodo che stiamo vivendo ha introdotto un grande cambiamento del mondo del lavoro e degli stili di vita. Un momento di difficoltà che può rappresentare allo stesso tempo un’opportunità di ricerca per nuove soluzioni imprenditoriali. Vogliamo dare vita a una community capace di lavorare insieme per lo sviluppo economico e culturale del territorio».

La crisi ha portato alla consapevolezza dell’importanza che siamo tutti interconnessi e le risposte devono essere trovate insieme.

Alta Valsugana Smart Valley mira a mettere a disposizione degli spazi di coworking, valorizzando il patrimonio immobiliare dell’Istituto, per le esigenze di liberi professionisti, imprenditori e start-up ma anche per i dipendenti in telelavoro o in smart working, che potranno usufruire di uno spazio dove lavorare vicino a casa, incontrarsi, collaborare e favorire la nascita di idee nuove, il tutto nel rispetto delle norme di sicurezza.

Paolo Campagnano, Direttore di Impact Hub Trentino, ha sottolineato che la propria è una società che da più di 10 anni si occupa di innovazione social e coworking sul territorio e che «vuole stimolare le ambizioni imprenditoriali di giovani e meno giovani, che vogliano cogliere le opportunità di innovazione e di mercato che si stanno affacciando all’orizzonte».

Nel mese di febbraio, sarà predisposto un questionario, diffuso su tutti i canali della Cassa Rurale, volto a raccogliere le manifestazioni di interesse da parte della popolazione, da chi ha bisogno di scrivania o un ufficio a chi cerca un punto d’appoggio per il telelavoro o per lavorare fuori casa in alcune giornate, a chi necessita di un posto fisico per incontrare i clienti o fare le riunioni. Di seguito al buon esito del sondaggio verrà aperto il primo spazio di coworking.

La volontà della Cassa Rurale è di trasformare alcuni locali in spazi con postazioni scrivania, uffici, sale riunioni per lavoratori.

Nel frattempo il gruppo di lavoro sarà a disposizione delle amministrazioni pubbliche interessate, delle associazioni e dei cittadini per proseguire nella progettazione degli spazi e dei servizi che caratterizzeranno “Alta Valsugana Smart Valley”.

Per approfondimenti http://bit.ly/altavalsuganasmartvalley

Per il questionario https://forms.gle/A1sVX2vnyaSf8A3a6



500 visualizzazioni0 commenti