Covid-19: giornata nera in Italia, dati più stabili in Trentino, ma non rassicuranti




In una giornata nera per la nostra Nazione, visto che nelle ultime 24 ore si sono registrati ben 5372 casi positivi al Covid-19, con purtroppo 28 vittime, la situazione nella provincia di Trento appare più stabile e in linea con i dati degli ultimi giorni, anche se ciò – ovviamente – non è sufficiente per stare tranquilli e abbassare la guardia. Anzi.

Il rapporto Covid-19 dell’Azienda provinciale per i servizi sanitari registra oggi altri 39 casi positivi in Trentino, 23 dei quali identificati da “sospetto diagnostico”. A questi si aggiungono altri 13 soggetti risultati positivi al tampone per l’antigene, che ora saranno sottoposti al tampone molecolare per la conferma della positività.

Fra i casi di oggi ci sono anche 7 minorenni (4 sotto i 5 anni di età e gli altri 3 tra i 6 ed i 15 anni) e 9 over 70.

Salgono a 25 (2 in più rispetto a ieri) i pazienti ricoverati, nessuno dei quali in rianimazione anche se va detto che per uno di loro, affetto da altre gravi patologie, si è reso necessario il trattamento con plasma iperimmune previsto dal protocollo dello Spallanzani.

Sul fronte scolastico, oggi si registrano meno classi in isolamento posto che 8 hanno concluso la quarantena: nel registro adesso se ne contano 32.

Sempre alto il numero dei tamponi eseguiti: ieri ne sono stati analizzati 1.113 a San Michele e 887 all’Ospedale Santa Chiara di Trento per un totale di 2.182, ai quali vanno aggiunti altri 182 tamponi per l’antigene.


13 visualizzazioni0 commenti
© Copyright il Cinque/Media Press Team

Iscriviti alla nostra Newsletter

  • White Facebook Icon