CONI TRENTO: distanti, ma uniti: noi restiamo a casa



TRENTOIn questo periodo critico e delicato, la Giunta CONI Trento ha diffuso a tutti i Comitati Provinciali di Federazioni Sportive Nazionali, Discipline Sportive Associate, Enti di Promozione Sportiva, Associazioni Benemerite, nonché ad Associazioni e Società Sportive, una lettera che desidera essere monito non solo per le istituzioni del movimento sportivo locale, ma anche per tutti coloro che intendono l'attività motoria come parte integrante del proprio stile di vita. Ecco il testo:


Distanti, ma uniti: noi restiamo a casa. Amici sportivi, stiamo tutti cercando di vivere questa drammatica situazione con grande senso di responsabilità e dalla condivisione di questo difficile momento, quando tutto sarà superato, avrà inizio la ripresa. Siamo oggi chiamati a sviluppare ed applicare, nella quotidianità, la resilienza, una qualità che abbiamo sviluppato praticando sport, che ci permette di superare i limiti della fatica, di tenere duro per arrivare al traguardo e raggiungere obiettivi e risultati a volte insperati.

Paola Mora Pres. CONI Trento


Resi forti e motivati dalla pratica sportiva, possiamo mettere la nostra resilienza a disposizione delle persone più deboli e bisognose di sostegno morale e fisico. Restiamo a casa! Rispettiamo le regole, quelle regole di cui noi sportivi, più di altri, siamo in grado di capire il senso: da veri sportivi sappiamo che non ci basta solo “stare alle regole”, manifestando il fair - play, ma che è nelle regole e grazie alle regole che si dischiude lo spazio dello sport, entro il quale mettiamo liberamente alla prova le nostre migliori capacità.


Le regole sono veicolo di libertà perché ci mettono nelle condizioni di conseguire ciò che ci sta a cuore. Essere liberi, e questo vale per l’atleta e per il cittadino, non significa sciogliere i legami che ci stringono agli altri, ma riconoscere e rinsaldare i vincoli buoni. In questo tempo, in cui non possiamo coltivare la nostra passione sportiva e agonistica, lo sport fatto di competizioni e classifiche, (fatta eccezione, per ora, per chi si prepara per le Olimpiadi di Tokyo) vorremmo tutti poter fare attività fisica per restare in salute. Questa è l’occasione di comprendere il significato più globale del concetto di salute, come indicato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità: «Non solo assenza di malattie o infermità, ma stato di totale benessere fisico, mentale e sociale».


Del benessere fisico ci siamo presi e ci prendiamo cura, con consapevolezza. Possiamo continuare a farlo curando ancora meglio la nostra alimentazione e proponendo attività fisica a casa, sviluppando la fantasia e seguendo le innumerevoli opportunità offerte anche dal web e gli altri mezzi di comunicazione, coinvolgendo chi vive con noi, soprattutto i bambini ed i ragazzi. È limitante? Certo, ma indispensabile. Questa drammatica situazione ci offre l’occasione di prendere in seria considerazione il benessere psicologico e relazionale. Possiamo occuparci del benessere mentale in vari modi: leggendo, studiando, approfondendo la cultura dello sport e non solo, vedendo documentari e film, meditando, riflettendo, ascoltando musica …


In questo tempo stiamo rendendoci conto, come mai prima d’ora, che la nostra salute è legata a quella degli altri e quella degli altri sta determinando la nostra: per questo restiamo a casa ed evitiamo i contatti inutili. Stiamo comprendendo cosa significa il benessere relazionale, sociale, un obiettivo che possiamo coltivare in molti modi: riscoprendo il valore del dialogo in famiglia, giocando con figli e nipoti, invitando i nonni a rispolverare i ricordi, telefonando ad amici dimenticati…le nuove tecnologie in questo ci aiutano per stare uniti. Il modo e le attività con cui possiamo operare sono a discrezione di ciascuno, ma sappiamo che gli sportivi hanno la forza morale per fornire un contributo fondamentale a tutti coloro che li circondano.


I nostri comportamenti influiscono sulla vita degli altri: non sprechiamo questi giorni difficili. Restando a casa aiutiamo noi e gli altri. Intanto non manchiamo di far arrivare il nostro grazie ed il nostro sostegno a chi, in questo delicato momento, opera, a proprio rischio, per offrire a tutti sicurezza ed assistenza sanitaria e sociale. Ci ritroveremo presto sulle strade, nei parchi, nelle palestre, nelle piscine e nei campi sportivi del nostro meraviglioso Trentino, e non solo, a muoverci, a fare attività fisica e sportiva. Saremo più forti e sarà una gioia enorme stare insieme.


La presidente Paola Mora con la Giunta CONI - Comitato Provinciale di Trento Vicepresidente vicario Paolo Crepaz, Vicepresidente Gilberto Gozzer, Berta Fontana, Don Daniele Laghi, Lino Melchiorre Orler, Massimo Bernardoni (delegato T.A.A. Comitato Italiano Paralimpico), Massimo Eccel, Norbert Bonvecchio.

12 visualizzazioni

Metti "mi piace" per ricevere gli aggiornamenti

Iscriviti alla nostra Newsletter

  • White Facebook Icon