top of page

Caldonazzo. Domenica 27 c'è S-Cambiamo il Mondo! Una festa per insegnare lo scambio e il riuso





Domenica 27 novembre pomeriggio torna a Caldonazzo, dopo due anni di assenza, l’evento di scambio e riuso S-Cambiamo il Mondo promosso da L’Ortazzo APS in collaborazione con tante realtà del territorio.


L’iniziativa è inserita nel programma della Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti ed ha l’obiettivo di sensibilizzare l’intera comunità sui temi ambientali e sull’importanza di far durare il più possibile gli oggetti, grazie alle buone pratiche come lo scambio, il riuso, l’upcycling (dare nuova vita agli oggetti attraverso la trasformazione creativa).


Dalle 14 alle 19 all’interno del palazzetto sportivo (via Marconi a Caldonazzo) ci sarà la possibilità di partecipare a laboratori creativi e giochi, di scambiare semi, libri, abbigliamento e giocattoli, di conoscere iniziative e proposte del territorio, come la banca del tempo o la stoviglioteca.

«E’ molto importante - spiega Paola Schmid che in Ortazzo è la referente per il gruppo di acquisto solidale - che le persone capiscano che iniziative come questa non hanno l’obiettivo di raccogliere materiali, come giochi e abbigliamento, per le persone bisognose, con l’idea quindi che le cose che non usiamo più debbano essere destinate ai meno fortunati. Il punto è che dovremmo abituarci ad utilizzare più a lungo gli oggetti e prendere cose usate (scambiando o comprando) dovrebbe diventare la normalità, perché il ritmo con cui continuiamo a produrre cose nuove, soprattutto prodotti di origine sintetica e in plastica, non è sostenibile per il pianeta».

Poi sicuramente la pratica del riuso è amica oltre che del pianeta anche del portafoglio, e male non fa di questi tempi. Se per qualcuno l’aspetto economico può essere un incentivo, l’auspicio è che avvicinandosi alle buone pratiche poi in molti acquisiscano comportamenti più virtuosi, facendoli diventare la normalità, specialmente se si parte fin da piccoli.


A proposito di riuso, alla festa di domenica sarà possibile vedere e prenotare la stoviglioteca, un ampio kit di stoviglie in plastica colorata e lavabile, che L’Ortazzo mette a disposizione gratuitamente per le feste di famiglie e associazioni. Ivette Marli Boso, referente del progetto, spiega: “l’utilizzo della stoviglioteca è un modo pratico ed anche bello di gestire le feste evitando l’usa e getta. Anche le stoviglie compostabili infatti hanno un impatto ambientale non proprio positivo. Abbiamo richieste di prestiti sia da famiglie, tipicamente per i compleanni dei bambini ma non solo, che di associazioni, le quali magari chiedono solo i bicchieri, le thermos e qualche piattino per la bicchierata finale di loro serate. Ma spesso prestiamo i coperti completi per pranzi o cene. Possiamo arrivare fino a 120 coperti, anche di più se si tratta di solo bicchieri».


Deborah Albasini fa parte del gruppo organizzativo dell’evento ed ha curato le attività per i più piccoli e il coordinamento dei volontari. “Saranno in molti a collaborare per rendere possibile l’evento, che ci piace chiamare festa. Tante realtà amiche e tanti volontari della nostra associazione. Il programma (che si può trovare su www.ortazzo.it) è ricco e permette di coinvolgere grandi e piccoli e di passare l’intero pomeriggio insieme. Abbiamo previsto infatti anche spazi di relax, per mangiare la merenda portata da casa o per leggere i libri dell’angolo bookcrossing e disegnare con i più piccoli».






298 visualizzazioni0 commenti

Коментари


bottom of page